Paura per un bambino  che perde i sensi in piscina 

Principio di congestione per il figlio di cinque anni di una coppia di turisti inglesi  Dopo lo choc il piccino si riprende, ma viene trasferito al Meyer con l’elisoccorso

LUCCA. Un malinteso dovuto all’interpretazione di una frase in lingua inglese ha generato momenti di apprensione tra gli stessi volontari del 118 che, a livello precauzionale, hanno inviato sul posto l’elicottero Pegaso per soccorrere un bimbo di cinque anni che si era sentito male in una piscina privata all’interno della casa vacanza «La Vistosa» a Ciciana. La frase in inglese che aveva fatto scattare l’allarme rosso era «due minuti di perdita di conoscenza». Un tempo lunghissimo che fa scattare il protocollo di massima gravità e quindi fa alzare in volo l’elisoccorso. In realtà già all’arrivo dell’ambulanza della Croce Verde di Ponte a Moriano i soccorritori avevano potuto constatare che il bambino, che si trovava già nell’appartamento assegnato alla sua famiglia, era cosciente aveva già rigettato l’acqua bevuta nel corso del malore avuto in piscina. Per scrupolo però i volontari hanno messo in essere le misure di soccorso. Il bimbo è stato verricellato e trasferito all’ospedale Meyer di Firenze con la madre che è sopraggiunta in taxi sino al nosocomio pediatrico fiorentino. Non è da escludere che nelle prossime 24 ore il piccino venga dimesso.
I fatti. Sono passate da pochi minuti le 14 quando il bimbo di 5 anni - figlio di una coppia di genitori di origine indiana, ma con passaporto inglese - si butta nell’acqua della grande piscina pochi minuti dopo aver pranzato. Qualche bracciata e il fanciullo accusa un malore: un principio di congestione con le labbra che si tingono di viola. Ma mamma e la nonna sono a bordo vasca e soccorrono subito il piccino che per un attimo perde i sensi. Sono momenti di grande spavento e concitazione. La famiglia di passaporto inglese era arrivata martedì scorso al grande complesso di villa La Vistosa, Proprio stasera la comitiva doveva presenziare a un matrimonio a villa Grabau. Dieci minuti dopo arriva anche il titolare della casa rurale in mezzo al verde, ma nel frattempo il piccino ha già rigettato ed è cosciente. L’inconveniente legato alla lingua ha messo in moto la macchina dei soccorso e i volontari della Croce Verde di Ponte a Moriano hanno stabilizzato il bimbo affidandolo poi all’elisoccorso per il trasferimento al Meyer. Ieri sera il padre e la nonna ha preso parte regolarmente al matrimonio a villa Grabau. Segno che le condizioni del piccino erano buone.