Il sit-in di protesta Baccini: «Le idee non si ingabbiano»

PORCARI. Un’ottantina di persone si sono radunate ieri mattina in piazza Orsi, davanti al Comune di Porcari, durante il sit-in organizzato per chiedere la liberazione di Gabriele del Grande, il...

PORCARI. Un’ottantina di persone si sono radunate ieri mattina in piazza Orsi, davanti al Comune di Porcari, durante il sit-in organizzato per chiedere la liberazione di Gabriele del Grande, il 34enne di origine lucchese dal 9 aprile trattenuto in un centro di detenzione in Turchia. All’evento erano presenti Elena e Serena Del Grande, sorelle del documentarista e scrittore, che hanno illustrato ai presenti il lavoro svolto in passato dal fratello e quello che stava preparando quando è stato fermato al confine con la Siria. «Oggi siamo un attimo più rilassate perché Gabriele è finalmente riuscito a parlare con il console e l’avvocato turco. Poi ha chiamato la compagna. Sta bene ma è debilitato perché è al quinto giorno di sciopero della fame e non lo interromperà finché i suoi diritti non saranno rispettati. Chiediamo il suo immediato rilascio».
All’incontro ha partecipato anche il sindaco di Porcari Alberto Baccini. «Guccini diceva che non si possono rinchiudere le idee in una galera – ha detto – Ecco questo è quello che sta accadendo a Gabriele. Manifestando per lui, noi difendiamo anche i valori che ci appartengono. È trattenuto in maniera del tutto illegale in un Paese che vorrebbe entrare a far parte della Comunità europea, ma se non si rispettano diritti fondamentali come la libertà di opinione questo ingresso è impensabile. Le manifestazioni come questa sono importanti anche da un punto di vista simbolico. Porcari ha ottenuto la convocazione di un consiglio provinciale per chiedere una presa di posizione ben precisa sulla vicenda». Porcari non è un territorio sconosciuto per Gabriele: qui vivono uno zio e un cugino e lui stesso ci capitava da ragazzo. All’evento era presente anche Radiostar che ha messo a disposizione i microfoni e ha trasmesso l’evento in diretta.
©RIPRODUZIONE RISERVATA.