Escursionista precipita per trenta metri e raggiunge il rifugio a piedi

Il Soccorso Alpino lo ha recuperato e trasportato all'ospedale di Castelnuovo

MINUCCIANO. Nel pomeriggio di venerdì 2 luglio  la stazione di Lucca del Soccorso Alpino toscano ha effettuato il recupero di un escursionista caduto per una trentina di metri a seguito di un scivolata sulla neve che era presente sul cono di valanga del versante nord del Monte Contrario (nel territorio comunale di Minucciano).

Rotolato sulla neve e sui sassi, ha arrestato la sua caduta finendo contro un faggio. A seguito della caduta, ha riportato traumi al torace, contusioni e abrasioni.

Da solo l'escursionista ha camminato per cinquanta minuti fino al rifugio Cava 27.

La squadra del Soccorso Alpino lo ha raggiunto con il fuoristrada e trasportato fino all'ambulanza attraverso la strada di cava. Il medico dell'ambulanza della misericordia di Piazza al Serchio ha proceduto subito con un’ecoaddome. L’uomo, classe 93, proveniente dalla provincia di Pesaro Urbino, è stato trasportato all'ospedale di Castelnuovo di Garfagnana.