Crollata pista ciclabile a San Concordio

Nessun ferito. L'area adesso è transennata ma si può accedere alle abitazione e alle attività

LUCCA. Nel pomeriggio di martedì 11 maggio si è verificato un cedimento della pista ciclabile di viale San Concordio: è stato transennato il tratto tra via Guidiccioni e via Savonarola. È stato lasciato libero l’accesso alle attività commerciali, agli uffici e alle abitazioni.

Il crollo non ha fortunatamente coinvolto persone. Sono subito intervenuti gli uffici comunali insieme con i vigili del fuoco.

Da una prima verifica è emerso che il cedimento è stato causato dalla rottura della soletta di copertura del fosso che si trova al di sotto della pista stessa: la pista ciclabile risulta essere stata costruita nei primi anni del Duemila, ma la soletta di copertura è antecedente e risale indicativamente a oltre quaranta anni fa.

"C'è stato questo brutto collasso di una porzione della pista ciclabile del viale San Concordio - ha dichiarato poco dopo il crollo l'assessore ai lavori pubblici Francesco Raspini -. Per fortuna non si è fatto male nessuno. I tecnici del Comune si sono immediatamente recati sul posto per mettere in sicurezza la zona chiudendo tutti gli accessi per un lungo tratto della pista. E' una cosa che che ha dell'incredibile perché questo tratto è stato realizzato meno di venti anni fa e non c'erano avvisaglie esterne che lasciassero prevedere quanto accaduto, come si può notare anche dalle condizioni dell'asfalto caduto nel canale, ancora in ottimo stato. Ci siamo subito messi al lavoro per cercare di capire le cause del crollo e per verificare le condizioni di stabilità e sicurezza del resto del percorso ciclabile. In ogni caso si procederà in somma urgenza per risistemare la zona e ridurre al minimo i disagi".