Forti e Ammannato out ma questa Libertas vuole il blitz a S.Miniato

Trasferta non facile sul campo di una delle big del campionato Fantozzi: «Limitare al massimo le palle perse e scegliere bene i tiri» 

Andrea Masini

livorno. La bella (e roboante) vittoria sul Basket Cecina è un capitolo chiuso. Così come il dato di tre successi consecutivi che hanno permesso alla Maurelli Group Libertas 1947 di assestarsi nella parte sinistra della classifica. Ogni domenica, infatti, si riparte da zero ed è quello che faranno i ragazzi di coach Alessandro Fantozzi, alle ore 18, sul parquet dell’Etrusca San Miniato (arbitri De Ascentis di Cremona e Cassina di Desio).


Di fronte una delle migliori squadre del girone - in cima alla classifica insieme a Omegna, Legnano, Vigevano, Langhe Roero e Pavia con 10 punti (5 vittorie e un solo ko) -, affidata in estate a coach Alessio Marchini, dopo la fine dell’era Barsotti. Cambio di timone che non ha per niente stravolto l’incantesimo di un gruppo storico, impreziosito dalla qualità di Nicola Mastrangelo, arrivato da Ozzano e migliore realizzatore dei suoi con 13,5 punti di media a partita. Al suo fianco il terzetto di lunghi Tozzi-Lorenzetti-Caversazio è senza dubbio difficile da affrontare per le oggettive capacità di attaccare il ferro spalle e fronte a canestro, mentre sul perimetro Renato Quartuccio è un perfetto direttore d’orchestra, spalleggiato da Capozio, Candotto e Bellachioma.

Alla resa dei conti una delle trasferte più velenose della stagione, che la Libertas 1947 si troverà ad affrontare priva di Francesco Forti (out da oltre un mese per una distorsione alla caviglia) e Marco Ammannato: il top player libertassino continua a lamentare un fastidio al tendine d’Achille e dopo la sfida con Cecina salterà anche quello di stasera al Pala Credit Agricole. Il rischio, infatti, è quello di sovraccaricare la parte interessata e aggravare un’infiammazione, certificata nei giorni scorsi dagli esami clinici.

Per questo, moltissime responsabilità graveranno sulle spalle di Ivan Morgillo, in costante crescita fisica e assoluto mvp della gara con Cecina. Molto passerà, inoltre, dall’adattamento di Andrea Casella e Luca Toniato nella posizione di 4, dal momento che Ivan Onojaife non ha ancora la condizione necessaria dopo 6 mesi di stop a causa della rottura del legamento crociato anteriore.

Nel comparto esterni, le certezze si chiamano Davide Marchini e Antonello Ricci, senza contare il consueto apporto offerto di Costantino Bechi e Gregor Kuuba.

«Affrontiamo una squadra che fa dell’aggressività difensiva il proprio marchio di fabbrica - ha commentato coach Alessandro Fantozzi - specialmente quando gioca in casa. Di conseguenza dovremo esser bravi a limitare il numero di palle perse e a operare le migliori scelte di tiro. Abbiamo preparato la partita con determinazione e intensità; purtroppo in settimana abbiamo dovuto fare i conti con diversi problemi fisici, ma questo non ci ha impedito di lavorare nel migliore dei modi con l’obiettivo di presentarci a questo derby consapevoli che sarà una partita intensa e molto fisica. Siamo pronti, e faremo di tutto per allungare ulteriormente la striscia positiva».

© RIPRODUZIONE RISERVATA