Camarlinghi-Rossi-Canessa Pro Livorno d’assalto col tridente

La squadra di Niccolai cerca i punti fuori casa sul campo di Badesse, a Siena Ancora fuori Baracchini, in extremis ko anche Bardini. Prima volta per Cavalli

Dario Serpan

livorno. Caccia ai primi punti fuori casa. Con un trend di una vittoria, una sconfitta e un pareggio la Pro Livorno Sorgenti ha già mosso le tre caselle in classifica, ma adesso manca il primo colpo esterno stagionale. Quello che non è riuscito né a Cannara (3-0 alla seconda di campionato), né a Sarzana (ko ai rigori in Coppa Italia contro il Seravezza Pozzi).


Oggi alle 15 i biancoverdi scendono in campo allo stadio Daniele Berni di Badesse, frazione di Monteriggioni, in provincia di Siena. C’è il Lornano Badesse ad attendere la squadra di mister Niccolai, che chiede ai suoi una prova di carattere per fare un ulteriore passo in avanti rispetto al pareggio interno di domenica scorsa al cospetto dell’UniPomezia. A Michael Poto di Mestre è stata affidata la direzione arbitrale del match valido per la quarta giornata.

In questo avvio di torneo c’è subito un dato che marca la differenza tra i biancoverdi e i biancoblù guidati dal tecnico Alfredo Gennaioli: tra le mura di casa, infatti, la Pls ha conquistato finora quattro punti in due uscite, mentre il Lornano Badesse ha giocato in casa soltanto una volta, rimediando una sconfitta per 1-0 dal San Donato Tavarnelle. I due punti fin qui racimolati dai senesi, quindi, provengono dalle due trasferte disputate contro Tiferno Lerchi e Poggibonsi. Cammini pressoché opposti, pertanto, caratterizzano le due squadre oggi di fronte al Berni, dove i padroni di casa punteranno senza mezzi termini all’intera posta in palio, per regalare il primo sorriso al proprio pubblico.

Formazione solida, per quanto non eccellente, quella biancoblù ha chiuso la scorsa edizione del girone E con un comodo ottavo posto a quota 48 punti. Sono gli stessi conquistati nella passata stazione dalla Pro Livorno Sorgenti, che però si piazzò al settimo posto.

I biancoverdi dovranno partire subito concentrati e con le idee chiare per contenere la spinta dei locali, azionando le qualità del proprio tridente offensivo, che ancora una volta sarà composto, salvo novità, da Camarlinghi, Rossi e Canessa. Anche la lista dei convocati dovrebbe ricalcare quella di una settimana fa, anche se in extremis si è fermato Filippo Bardini che ieri ha accusato un po’ di febbre. Al suo posto ci sarà la prima convocazione per il giovane difensore Giorgio Cavalli.

Non ce la fa ancora, invece, l’esterno offensivo classe 2002 Luca Baracchini. Il suo rientro in gruppo è stato rimandato alla prossima settimana, in accordo con lo staff sanitario. Sono ancora Granito e Matteoli, pertanto, le due alternative che mister Niccolai può giocarsi là davanti, mentre a centrocampo e in difesa c’è un ventaglio più ampio. L’undici iniziale non dovrebbe presentare grandi capovolgimenti rispetto a quello visto domenica scorsa all’Armando Picchi, ma è lecito attendersi qualche variazione sulla linea mediana, reparto che deve ancora ingranare la marcia giusta per sostenere tutte le fasi nella manovra della squadra. Dato l’inserimento di volti nuovi in rosa, serve tempo per trovare la migliore alchimia tra i reparti, ma oggi bisogna dare un segnale di crescita e concretezza contro un avversario tosto ma non imbattibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA