Intanto la Pro Livorno debutta in Coppa contro il Seravezza

Dario Serpan

LIVORNO. Quattro giorni dopo il 2-0 rifilato alla Flamini Civita Castellana nella prima di campionato, la Pro Livorno Sorgenti torna in campo per il primo turno di Coppa Italia di serie D.


Gara secca in trasferta, precisamente allo stadio Miro Luperi di Sarzana, dove questo pomeriggio alle 15 i biancoverdi se la vedranno con il Seravezza Pozzi.

Sono i verdeazzurri i padroni di casa, nonostante siano anch’essi costretti a migrare dal Buon Riposo di Seravezza al manto ligure. Un po’come successo sabato alla Pls, che ha giocato a Cecina la sua prima gara interna stagionale, a causa dell’indisponibilità dell’Armando Picchi. L’arbitro Riccardo Dasso dirigerà oggi l’incontro che vale l’accesso ai trentaduesimi di finale, in programma il prossimo 3 novembre.

È la prima volta che la Pro Livorno Sorgenti partecipa a questa manifestazione, che l’anno scorso non si disputò causa pandemia. C’è una certa emozione, pertanto, nell’esordire in Coppa Italia di serie D, con tanta voglia di far bene, anche per dare seguito alla buona prestazione offerta sabato a Cecina.

Lecito attendersi un po’ di turn over, considerando la doppia uscita ufficiale in questa settimana, che si chiuderà domenica con la trasferta di Cannara, valevole per la seconda giornata in serie D girone E.

Il Seravezza Pozzi arriva all’appuntamento odierno dopo aver sconfitto per 3-0 nel turno preliminare il Cascina, mentre domenica è uscito sconfitto per 2-1 dal Buon Riposo al cospetto del Lentigione. Un passo falso che non è andato giù benissimo ai versiliesi, passati in vantaggio e poi messi sotto dagli emiliani.

I biancoverdi, pertanto, devono mettere nel conto anche lo spirito di rivalsa dei locali, ma il tecnico livornese Matteo Niccolai chiarisce gli intenti per questa trasferta: «Dobbiamo sempre partire per fare risultato pieno. La vittoria aiuta, dà sicurezza e permette di lavorare in modo più sereno. La Coppa può diventare un impegno tosto nel lungo periodo, ma ha il suo fascino e noi vogliamo onorarla al massimo».

« Contro il Seravezza – aggiunge il mister – è un bel test anche per dare spazio a chi non è stato impiegato alla prima di campionato e, quindi, per conoscere meglio la rosa che ho a disposizione».

Sempre assenti Bardini e Baracchini, per i convocati partenza fissata per le 12. 30 da Livorno, con l’obiettivo di tornarci stasera a mani piene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA