Il derby di Cecina tra i ricordi della C2 e i test tattici di Francesco Buglio

In avanti rivedremo il trio Ferretti-Frati-Bellazzini  Domani si aspetta l’ufficialità di Vantaggiato e Torromino 

Fabrizio Pucci

LIVORNO. Il primo giorno d’autunno porta in dote al Livorno l’ultima amichevole prima del via ufficiale alla stagione 2021/22. Si gioca a Cecina (fischio d’inizio alle 20,30) sul campo del ‘Rossetti’ teatro di accesi derby tra rossoblù e amaranto negli Anni ’90. Quello era il periodo aureo del Cecina, mentre il Livorno aveva iniziato la rinascita e la risalita verso le categorie che gli competono.


Da allora è passato un quarto di secolo. Il Cecina è sprofondato nei dilettanti (milita in Promozione), mentre qui abbiamo visto tutto il bello e il brutto del calcio.

TEST importante

Considerazioni che saranno azzerate alle otto e mezzo di stasera, perché Buglio non pensa affatto al passato, ma al presente che deve essere utile per costruire un futuro migliore. Per compiere questa operazione il tecnico amaranto si affida alla certezza del modulo: il 4-3-1-2 che è ormai il marchio di fabbrica del suo Livorno. Là davanti non cambieranno gli interpreti dello schema che prevede la presenza il fantasista Bellazzini dietro le punte Ferretti e Frati. Nonostante la differenza di categoria a favore del Livorno, servirà una prestazione di alto profilo perché lo Sporting Cecina non ha intenzione di fare da semplice sparring partner. Un po’ per la rivalità e in parte anche per la cifra tecnica dei rossoblù che nella gara di andata della Coppa Italia di Promozione hanno espugnato (si fa per dire, visto che il match è stato disputato al ‘Rossetti’ per l’inversione del campo) il terreno del Saline.

LA GRANDE ATTESA

Tutto questo accade mentre società e tifosi aspettano Torromino e Vantaggiato. ‘Torro’ e ‘Toro’ infatti non hanno ancora risolto quelle che il ds Pinzani ha definito ‘questioni burocratiche’, di fatto gli ultimi legami con la Ternana. Per questo motivo la (scintillante) coppia d’attacco del Livorno non sarà a disposizione neanche questa sera. La società conta di poterne annunciare ufficialmente gli ingaggi domani in modo da poterli aggregare al gruppo in occasione della presentazione fissata per le 18.30 allo stadio: sarebbe una festa nella festa, una tanica di combustibile sul sacro fuoco della passione amaranto.

GLI ASSENTI

Recuperato Pecchia, il centrocampista potrebbe giocare uno spezzone di partita stabilendo in questo modo un curioso record: nelle ultime tre stagioni ha giocato con l’A.S. Livorno, la Pro Livorno Sorgenti e l’U.S. Livorno 1915. Ancora out invece Marinai (ginocchio) al quale si è aggiunto De Stefano alle prese con un fastidio muscolare: malanno di stagione. Buglio, però, non è preoccupato. Ha una rosa ampia e altamente competitiva e nell’ultima uscita, quella con la Lucchese Under 19, si è pure permesso il lusso di sperimentare un modulo alternativo al 4-3-1-2: il 4-2-3-1 con Ferretti vertice alto, Bellazzini alle sue spalle con Durante e Pulina sulle corsie esterne (rispettivamente sinistra e destra) pronti ad innescarlo.