A 94 anni torna al campo «Ho sentito il richiamo»

livorno. Nel 2021/22 l’A.S. Livorno Calcio parteciperà al campionato di Terza Categoria. La Figc ha espresso parere favorevole all’iscrizione della società al torneo che costituisce il gradino più basso del calcio. In questo modo il liquidatore Pierpaolo Gherlone salverà il titolo sportivo e manterrà la matricola federale.

Prima di mettere nero su bianco, l’As dovrà adempiere a un obbligo: revocare lo stato di liquidazione, operazione che resa possibile grazie al congelamento a tempo indeterminato dei debiti fiscali, tributati e previdenziali delle società di calcio stabilito dalla Figc il 21 agosto scorso. Già fissata la data di convocazione dell’assemblea dei soci che dovrà arrivare a questo atto decisivo: giovedì 22 settembre.


Una volta accolta la domanda di iscrizione alla Terza Categoria dal Comitato Federale Provinciale, l’A.S. inizierà l’operazione di costruzione della squadra che non avrà neanche ambizioni di promozione. Nella lista delle priorità della dirigenza (sulla cui composizione è prematuro sbilanciarsi), infatti figura la ristrutturazione dei debiti, magari attraverso l’istituto del concordato.

In questo modo sarà scongiurato il fallimento con le conseguenze amministrative, ma soprattutto penale per tutti i responsabili del crac amaranto. In un futuro anteriore non è esclusa la possibilità che l’As provi a fondersi con qualche altra realtà cittadina. Ma resta come detto la zavorra del debito.