La nuova palestra di Salvemini «Coronato il nostro sogno»

Livorno. «Abbiamo coronato un sogno. Quello di avere a disposizione una palestra scolastica nella quale oltre a svolgere la nostra consolidata attività pugilistica, dal livello giovanile a quello olimpico, avremo anche la possibilità di poter dare concretezza ad alcuni progetti che abbiamo elaborato con il comune di Livorno. Tra questi consentire, gratuitamente, ad alcuni ragazzi di fare sport e di essere seguiti, in questo loro percorso sportivo formativo ed educativo, togliendoli dalla strada». Pomeriggio speciale, qualche giorno fa, per Donato Salvemini e tanti suoi preziosi collaboratori, presso la palestra delle scuole medie Mazzini di viale Alfieri 37. In programma l’inaugurazione ufficiale del nuovo Centro Sportivo Pugilistico Livorno Boxe Salvemini. A fare festa insieme a lui, maestri di pugilato della società e tanti boxer giovani e meno giovani. A nobilitare l’inaugurazione anche la presenza del delegato provinciale del Coni: Giovanni Giannone e l’assessore comunale Rocco Garufo.

«Noi –ha aggiunto Donato Salvemini- avremo la possibilità di poter usufruire di questa palestra, nel pieno rispetto della normativa relativa al Covid, dalle 17.30 alle 20.30. In questi intervallo di tempo daremo linfa alla nostra attività su tre direttive specifiche: settore giovanile (5-13 anni), ginnastica pugilistica e settore olimpico».


Soddisfatto anche Giovanni Giannone: «Livorno, con questa inaugurazione conferma una volta di più la bontà e validità di un’effervescenza sportiva rilevante, con radici lontane». Sulla valenza formativa ed educativa del pugilato si è soffermato anche l’assessore Rocco Garufo: «il pugilato è scuola di vita ed antidoto importante contro il bullismo perché abitua, in maniera rigorosa, a seguire le regole e a rispettare l’avversario». Presenti i maestri Sergio Palazzolo e Sergio Pulimeno e tanti grandi ex boxer. Tra loro, Domenico Salvemini, Annalisa Ghilardi. Inoltre Filippo Gressani, Nicola D’Andrea e Massimo Emanuele Santini e Irene Spagnoli. Nel corso della serata non sono mancati neppure momenti di commozione, nel ricordo di due icone di questo sport: Franco Nenci e Gigi Tassi.

M.O.

© RIPRODUZIONE RISERVATA