Corriprimavera 2021, Bottoni e Quardy fanno il vuoto: arrivo trionfale

La podista dell’Atletica Livorno prevale sulla cecinese Cavallini. Tra i maschi secondo posto per Panicucci (Cral Solvay)

LIVORNO. Vicino ai 250 partecipanti per il Corriprimavera, un numero che ha permesso di approntare e rispettare le norme in vigore in tema di sicurezza Covid - 19: numerosi sono stati i volontari che hanno curato l’arrivo e la partenza da via Allende, altrettanti disposti sul percorso, mentre la polizia municipale si è data da fare con successo cercando di limitare al massimo il disagio per il traffico veicolare. Dieci i chilometri lungo i nostri viali a mare con giro di boa a Miramare.

Dopo un chilometro era già tutto deciso con il marocchino Mohammed Quardy, tesserato per l’Atletica Signa, che si portava al comando incrementando sempre più il suo vantaggio sui più immediati inseguitori. La sua cavalcata non si fermava, piombava sul traguardo con quasi due minuti di vantaggio chiudendo con il tempo di 32.13. Per il secondo posto la spuntava allo sprint Alessio Panicucci portacolori del Cral Solvay in 34.08, un secondo prima di Luca Borgianni della Podistica Catelfranchese. Un bel quarto posto per Daniele Conte, Atletica Amaranto, che chiudeva in 34.15 davanti all’esperto Andrea Gesi dell’Atletica Vinci; per il prestigioso Gruppo Sportivo Parco Alpi Apuane Juri Mazzei concludeva al sesto posto in 35.03 davanti ad un altro esponente dell’Atletica Amaranto, Lorenzo Imparato 35.33. Altro livornese, anche se gareggia per i colori del Parco Alpi Apuane, Roberto Ria ottavo in 36.03. Chiudevano la Top Ten nell’ordine Antonio Solano (Road Pisa 36.09 e Mirko Tarantola (Alpi Apuane) 36.28.

Nella classifica assoluta femminile, una cinquantina le arrivate, si è esaltata Enrica Bottoni dell’Atletica Livorno che ha conquistato il successo in 39.15 con arrivo solitario davanti all’ inossidabile cecinese Denise Cavallini tesserata per il G.S. Lammari accreditata di 41.34, tallonata da presso da Alice Parducci delle Sbarre che finiva in 41.39; quarta l’altra livornese per il Sempredicorsa Alessandra Muzzi in 42.25; quinta Lorena Meroni Parco Alpi Apuane 42.39. Per la gioia del suo presidente Paolo Falleni la coppa del gruppo più numeroso è andato all’Atletica Amaranto. Un premio speciale è stato assegnato ai ragazzi del progetto Filippide, felici anche loro di essere tornati a correre. La premiazioni si sono svolte alla presenza del sindaco Luca Salvetti che ha voluto ringraziare gli organizzatori che hanno reso possibile allestire un evento come è stato in tante altre occasioni. Presente anche Daniele Bartolozzi per la Uisp. A fine gara abbiamo chiesto se troveremo questa manifestazione inserita nel calendario nazionale: Franco Meini si espresso per un ni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA