Contenuto riservato agli abbonati

Livorno calcio: due giorni per sperare nella fideiussione, il rischio è di perdere anche Mazzarani

Il Cda di lunedì 11 non ha portato novità, possibile assemblea il 16. Se si sbloccano le garanzie, piace il difensore Baldan

LIVORNO. Dieci giorni di mercato sono scivolati via. E siamo rimasti al palo. La situazione è complicata, la squadra ha dimostrato sul campo di non essere adeguata alla serie C ma oggi non si può fare mercato perché non esiste una fideiussione.

IERI IL CDA


Iniziato nel primo pomeriggio e finito in tarda serata, luned' 11 gennaio è andato in scena un nuovo Cda. In sede erano presenti Heller, Aimo e Gherlone. Si è trattato comunque di un Cda più che altro legato a questioni burocratiche, che non poteva portare (e infatti non ha portato) nessuna particolare svolta. Casomai qualcosa potrebbe succedere sabato 16. Per quel giorno è possibile che si svolga una nuova Assemblea dei soci: la data comunque non è ancora sicura, per ora non ci sono convocazioni. L’Assemblea dei soci metterà a un tavolo virtuale Aimo, Presta, Gherlone (per Sicrea), Spinelli, Navarra e Ferretti. Sempre che questi ultimi due siano presenti. Presta sta rilevando il 17% delle quote di Sicrea, dunque si va verso una frammentazione ancora più netta. Ma la grande incognita resta Navarra che oggi dispone del 38% (il suo 21 più il 17 di Ferretti) ma non si capisce bene che intenzioni abbia. La sensazione, al momento, è che non abbia intenzione di tornare in scena. Ma il suo silenzio non regala certezze.

LA FIDEIUSSIONE

Il futuro immediato è però legato in tutto e per tutta alla fideiussione. Le piste sono due: a una sta lavorando l’Amministratore delegato Aimo, l’altra conduce a Spinelli che dovrebbe “spostare” (anche se tecnicamente il passaggio è più complicato) su questa stagione la fideiussione che aveva messo lo scorso anno per la serie B. Parliamo di una fideiussione da circa 700mila euro che starebbe rientrando dalla Lega proprio in questi giorni.
Ora si tratta di capire quali sono le intenzioni al proposito di Spinelli. Forse vorrebbe che questa nuova società camminasse da sola, con le proprie gambe, ma probabilmente non ha ben chiaro che non può essere così.

MAZZARANI E MERCATO

Se entro un paio di giorni non arriva questa fideiussione, c’è un’alta probabilità di perdere anche Andrea Mazzarani. Il ragazzo più di così, oggettivamente, non può fare. È da settembre che si allena senza contratto, senza stipendio, senza certezza di essere tesserato. Altri giocatori, per molto meno, se ne sono già andati. Quindi tanto di cappello a lui e speriamo che la storia si risolva bene per lui e per noi, perché vorrebbe dire che la fideiussione arriverà nelle prossime ore. Bene o male, pur tra mille incertezze, Rubino e Ricci stanno anche guardando cosa offre il mercato. Vita dura per loro: immaginatevi come si fa ad andare a bussare a un giocatore oggi, senza fideiussione, senza certezza di poter offrire un contratto, senza la possibilità di avanzare una proposta che non sia eventualmente solo per sei mesi. In questo mare in tempesta, qualche nome ci sarebbe pure. Ad esempio il difensore Marco Baldan, 27 anni, 14 presenze quest’anno con la maglia dell’Arezzo e lo scorso anno titolare (26 presenze e 1 gol) proprio nell’Arezzo di Dal Canto. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA