Il tuffo di Amelia, dalla Champions alla Promozione

Amelia quando difendeva la porta del Livorno

A 32 anni l'ex amaranto sarà il portiere, oltre che presidente onorario e direttore tecnico, del Rocca Priora. In attesa che si faccia viva qualche squadra del calcio che conta

LIVORNO. Marco Amelia, 30 anni, ex portiere amaranto in serie A, Campione del Mondo con la Nazionale a Germania 2006 e d’Europa con l’Under 21 nel 2004, ha annunciato attraverso il sito del Rocca Priora Calcio, club che milita nel campionato di Promozione e di cui è presidente onorario, che ricoprirà la carica di direttore tecnico della squadra, ma non solo: tornerà ad indossare i guantoni.

"Svolgerò il ruolo di direttore tecnico della prima squadra - ha spiegato l’ex portiere del Milan, svincolatosi quest’estate della società rossonera - e quindi andrò in panchina al fianco dei ragazzi. Anzi, farò di più: ho deciso di formalizzare anche il mio tesseramento da giocatore oltre a quello attuale di dirigente".

Amelia in versione goleador: di testa realizza il gol dell'1-1 in Partizan-Livorno di Coppa Uefa a Belgrado

Esattamente un anno fa Amelia si apprestava a scendere in campo a San Siro in una partita di Champions League contro il Barcellona: la gara finì 1-1 e il portiere di Frascati fu battuto solo da Leo Messi. Lo scorso anno l'ex portiere di Livorno, Palermo e Genoa ha fatto soltanto panchina alle spalle di Abbiati, giocando solo le ultime cinque partite di campionato.

Dal primo luglio è svincolato e si è messo alla ricerca di una squadra che puntasse su di lui. «In questi mesi ci sono state delle offerte e delle opportunità, magari me ne aspettavo di più anche perché non si doveva pagare il cartellino e non ho mai fatto un problema di soldi. Tante offerte dall'estero, qualche discorso con club italiani, ma tutto si è chiuso con un nulla di fatto e non per un problema economico. In ogni modo sto bene a casa e faccio le mie cose, la mia è una famiglia che mi sta vicino, gestisco una società sportiva e mi diverto con i miei ragazzi.

Il calcio giocato è un'altra cosa, ma se le condizioni sono queste è giusto che io stia a casa». La società a cui Amelia si riferisce è il Rocca Priora, come intuibile in provincia di Roma a due passi da casa, con cui ha iniziato a collaborare dal 2009 istituendo anche una scuola calcio che porta il suo nome; ne è diventato ben presto presidente onorario, mentre quest'anno che è rimasto senza squadra ha deciso di ricoprire anche il ruolo di direttore tecnico. E non solo, come ha ammesso lui stesso, adesso tornerà anche in campo per difendere la porta del Rocca Priora.

La squadra si trova quintultima con 14 gol subiti, domenica prossima scontro di bassa classifica contro il Nuova Florida: chissà che Amelia, 32 primavere e quindi ancora giovane, non decida di indossare i guantoni per fermare gli attacchi avversari.