Picchia il poliziotto che lo sorprende a rubare nella tabaccheria della stazione

L'uomo arrestato

Livorno, arrestato un uomo di 44 anni: il giudice lo ha rimesso in libertà con l'obbligo di presentazione in questura tre volte alla settimana

LIVORNO. È stato sorpreso mentre rubava della merce nella tabaccheria della stazione. E mentre gli agenti della polizia ferroviaria, guidati dal sostituto commissario Fabrizio Maestrini, gli intimavano di restituire tutto e seguirlo negli uffici al binario uno, lui ha reagito nel peggiore dei modi: tirando una bottiglia di birra e picchiando uno di loro, dimesso dal pronto soccorso con 25 giorni di prognosi.
 
È stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale il tunisino di 44 anni Mohamed Ben Alì Hamdi. A disporlo il pubblico ministero di turno Niccolò Volpe: i fatti sono avvenuto attorno alle 16 di mercoledì 11 maggio proprio nella stazione di piazza Dante. E nella mattinata di giovedì 12 Hamdi, difeso dall’avvocata Barbara Luceri, è comparso in tribunale: il giudice Andrea Guarini, convalidando l’arresto, ha disposto che si presenti tre volte alla settimana (il lunedì, il mercoledì e il sabato) in questura per l’obbligo di firma.
 
Il gip ha preso atto dei suoi precedenti penali (per resistenza a pubblico ufficiale e reati contro il patrimonio), ma anche dei problemi di salute («Sono cardiopatico», ha detto in aula) rimettendolo in libertà. Hamdi, inoltre, prima di essere nuovamente accompagnato negli uffici della polfer per la notifica del provvedimento ha dato in escandescenze cercando di rientrare a palazzo di giustizia. A fermarlo sono stati gli agenti della polizia ferroviaria.