Contenuto riservato agli abbonati

Cuochi, bartender e camerieri: “Calafuria” cerca sette addetti

Il locale all’ombra della Torre si prepara alla stagione, Gonnelli: «Cerco personale con esperienza»

LIVORNO. Due cuochi capaci di sfornare piatti di mare (ma non solo). E tre camerieri pronti a servire chi sceglie il ristorante a picco sul mare targato Precisamente a Calafuria. Li sta cercando patron Simone Gonnelli per il locale all’ombra della cinquecentesca Torre medicea. Si cerca esperienza.

«Queste persone vorrei provarle da subito per testarle in base alle nostre necessità e poi inserirle nella nostra squadra in vista della bella stagione», spiega l’imprenditore.


Ad oggi Precisamente a Calafuria funziona come bar e ristorante. A fine febbraio l’obiettivo è quello di partire, nel weekend, anche con gli aperitivi. Una ripartenza necessaria, anche se, come sottolinea Gonnelli, oggi con l’emergenza sanitaria, si naviga a vista. Ma i motori devono riaccendersi. Tanto che tra le figure ricercate, a parte cuochi e camerieri, ci sono anche due bartender.

Si tratta di esperti di cocktail, professionisti dello shaker, capaci di giocare con bicchieri, ghiaccio, cannucce per sfornare aperitivi.

«L’intenzione è quella di ripartire con gli aperitivi al locale Precisamente a Calafuria da fine febbraio, nei fine settimana, e poi con la bella stagione ovviamente si va ad aumentare», continua lui che gestisce diversi locali in città.

Diverse realtà come Bottini Fusion, il locale di viale Caprera che arricchisce di gusto il Museo della Città. I suoi sapori giapponesi - comunque sushi ma non solo - nel cuore della Venezia, fanno parte di quel suo mondo variegato, insieme a Scomposto, Corner bistrot in piazza Giovine Italia, la maxi cucina di solo asporto e delivery firmato Dark Kitchen, situazione di successo nata negli spazi del locale Lola mangia e bevi di via Cairoli.

Con lui i soci Michele Bardi e Leonardo Marradini: insieme sono anche i protagonisti della grande avventura in divenire legata alla valorizzazione degli spazi dell’ex cinema Grande.

«I più bravi tra i bartender verranno successivamente impiegati anche nelle altre nostre realtà, penso soprattutto alla nuova avventura di piazza Grande dove saranno impiegate una sessantina di persone».

L’operazione “Non solo movie” tornerà a dare una vita diversa all’ex cinema Grande chiuso ormai da anni. Tornando al presente, gli interessati ai posti di lavoro al locale di Calafuria possono inviare il proprio curriculum all’indirizzo di posta elettronica selezioni@4humans.it

«Cerchiamo tutto personale con esperienza pregressa nei diversi settori, e quindi in quello della cucina, del servizio in sala e nella capacità di stare dietro al bancone e servire cocktail», chiude lui che in questi mesi è alle prese con il vero d-day dei lavori all’ex multisala di piazza Grande.

Proprio l’altro ieri Gonnelli e i colleghi imprenditori erano in loco per scaricare palchi e pedane, pronti per essere installati quando arriverà il parere della commissione di vigilanza.

Quando arriverà questo parere sarà avviato il progetto di recupero e riqualificazione della maxi struttura per creare una cittadella dell’intrattenimento, con concerti e un palinsesto teatrale, e della somministrazione, con diverse tipologie di ristorante. Ci saranno anche zone adibite a incontri e meeting, e aree per esposizioni temporanee; nella sala principale saranno organizzate anche delle proiezioni dinamiche e immersive. Ci sarà anche la discoteca, ma che costituisce una minima parte dell’intero progetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA