Sequestrati dalla municipale borselli, scarpe e marsupi contraffatti al Mercatino del venerdì

Il sequestro della municipale

Livorno: anche in via Grande un venditore abusivo è stato sanzionato per cinquemila euro perché esponeva su un telo ombrelli e cappelli

LIVORNO. Cinquemila euro di multa e merce confiscata: 49 cappelli e 11 ombrelli. La polizia municipale, sotto i portice di piazza Grande, ha così sanzionato un venditore abusivo nel pomeriggio di giovedì 13 gennaio. "Era senza licenza", spiegano dal comando cittadino.

Ripetendosi nella mattinata di venerdì 14, dove c'è il Mercatino del venerdì. "L'occupazione abusiva - spiega la municipale - fra l'altro limitava la fruibilità dello spazio dedicato al passaggio dei pedoni, restringendo la corsia e favorendo l'assembramento. L'intervento non è stato semplice, gli agenti hanno cercato di evitare che i due uomini, dandosi alla fuga, urtassero i numerosi clienti che, approfittando del bel tempo, stavano camminando nell'area mercatale".

Gli agenti sono riusciti ad impedire che i venditori scappassero tra la folla, sbarrando loro la via. I due, vedendosi braccati, sono fuggiti in via dell'Ardenza, lasciando a terra la merce, che è stata sequestrata e a fine procedimento verrà distrutta, in quanto il reato di vendita di merce contraffatta mette a rischio i consumatori e l'economia, e la Polizia ricorda che la legge ne vieta pure l'acquisto. Sotto sequestro sono 24 paia di scarpe con marchio contraffatto Nike, 23 tra borse, borselli e marsupi con marchi contraffatti Gucci, Fendi e Louis Vuitton, 16 cinture con marchio contraffatto Gucci e Louis Vuitton e 16 foulard di marchio contraffatto Gucci, Chanel e Louis Vuitton.