Contenuto riservato agli abbonati

Boccali al cielo e auguri: a Livorno birra artigianale in festival

Il mastro birraio Pierluigi Chiosi co-proprietario del Pbc

Da venerdì al Piccolo Birrificio Clandestino e si festeggiano anche i suoi undici anni

Aspettando il Natale al ritmo di “Jingle Beers”. A Livorno succede anche questo, grazie al Piccolo Birrificio Clandestino.

Da una parte l’aria del Natale imminente; dall’altro i brindisi a base di buona birra artigianale: nel mezzo la voglia di stare insieme in allegria, buon bere e socievolezza. L’appuntamento è da venerdì 3 a domenica 5 dicembre: si tratta di una “tre giorni” al ritmo di “Jingle Beers”. È la quarta edizione di questo festival natalizio dedicato alle birre artigianali. «La prima edizione, quella inaugurale, la facemmo nel 2016: è stata la prima nel suo genere in Toscana», dice con orgoglioil mastro birraioe co-proprietario Pierluigi Chiosi. È fiero del suo impero del buon bere che racchiude non solo produzione, ma è una vera e propria idea di “didattica conviviale” applicata al “boccale di qualità”: tra gli ultimi premi che ha ritirato, in ordine di tempo, c’è l’argento per la “Fortezza Nuova” all’European Beer Stars, in Germania. Un altro mattoncino di prestigio di questa azienda livornese conosciuta molto anche all’estero.


JINGLE BEERS: IL FESTIVAL

Saranno tre giorni dedicati alla tradizione, appunto, delle birre invernali e “Christmas style” (alta gradazione alcolica e alta intensità sensoriale). Una rassegna tematica il cui programma, incentrato sul piacere del bere con gusto e con moderazione, proporrà tuttavia anche contenuti di più specifico approfondimento, come laboratori d’assaggio guidato con abbinamenti mirati, nonché la possibilità di visitare un impianto di brassaggio.

L’appuntamento, in calendario a Livorno, si svolgerà infatti, venerdì 3 (dalle 18 alle 2 del mattino), sabato 4 (dalle 15 alle 2 del mattino) e domenica 5 dicembre prossimi (dalle 15 alle 24), negli spazi del sito produttivo (in via Cimarosa, 37-39) del Piccolo Birrificio Clandestino, promotore dell’iniziativa in collaborazione con il Gruppo di degustazione Puro Malto (di Pisa).

PBC: FESTA PER GLI 11 ANNI

Il Pbc – che nella circostanza festeggerà anche il suo undicesimo compleanno – aprirà al pubblico i propri locali, trasformandosi in un grande pub, dove, per l’intero fine settimana (con ingresso libero e gratuito vincolato al possesso delle certificazioni sanitarie di legge), saranno attivi banchi di spillatura marchi microbirrari da tutta Italia, ciascuno con le proprie specialità invernali e natalizie; inoltre, come già nelle edizioni precedenti, alcune realtà “craft” ospiti d’onore dal panorama internazionale («I nomi saranno una sorpresa», continua Chiodi) e uno speciale “Angolo defaticante a bassa”, con in mescita altre referenze, tutte (da cui il nome) a bassa fermentazione e a bassa gradazione: bevute di alleggerimento, insomma.

I BIRRIFICI PROTAGONISTI

La tre giorno sarà come un tavolo apparecchiato, con un ricco ventaglio di chicche stagionali, che i visitatori potranno sorseggiare in appositi calici (da ritirare su cauzione e poi trattenibili, per chi lo vorrà), da 15 cl: ogni assaggio avrà un costo variabile in funzione della tipologia di prodotto (e attenzione: chi ha acquistato il bicchiere già gli anni scorsi, potrà presentarsi col proprio, senza dover procurarsene un nuovo). La lista dei birrifici protagonisti italiani? Eccola: Baladin, Edit, Filodilana, Aléghe, Croce di Malto, Diciottozerouno (Piemonte); 50&50 (Lombardia); Foglie d’Erba (Friuli); Birrone (Veneto); La Buttiga (Emilia); Birrificio del Forte, Brùton, Piccolo Birrificio Clandestino (Toscana); Eastside (Lazio); Birra Perugia (Umbria). E, a corollario, punti di ristoro - veloce e in relax, ma di qualità - con offerta di spuntineria tipica e specialità “di strada”; inoltre, in sottofondo, accompagnamento sonoro con musica acustica dal vivo. Per informazioni sullo svolgimento di Jingle Beers, contattare i numeri 0586-854439 e 328 1554301.

BUON BERE, MA NON SOLO

Non solo produzione, ma una vera e propria idea di “didattica conviviale” applicata al “boccale di qualità”. È questo uno degli assi portanti della “filosofia” del Pbc-Piccolo Birrificio Clandestino. Ebbene, uno dei “fronti d’operazione” è la consolidata collaborazione – appunto sul terreno della divulgazione e della “cultura del bere” – con il Gruppo Puro Malto, nell’ambito del progetto del “Clandestino Laboratorio Birrario”, sorta di “officina permanente” con proposte periodiche quali serate d’assaggio, cene a tema e corsi di formazione. La programmazione corsuale, inaugurata lo scorso 14 settembre, procederà poi, nei primi mesi dell’anno prossimo con un itinerario d’approfondimento (livello III) dal titolo “Birra e cucina: il ‘come e perché’ degli abbinamenti”. Per informazioni su questa e su tutte le altre attività didattiche di Pbc e Puro Malto, i recapiti da contattare sono: 0586-854439 e 328-1554301.

© RIPRODUZIONE RISERVATA