Le scale del tribunale con le scarpe rosse: «Dedicate alle donne che sono state uccise»

Magistrati e avvocati in tribunale con le scarpe rosse sulle scale

Livorno, l’avvocata Cristina Cerrai: «Le persone violente vanno aiutate, per questo c'è uno sportello dedicato in Provincia»

LIVORNO. Le scarpette rosse, acquistate dalle donne livornesi e donate proprio per la giornata di ieri a loro dedicata, sulle scale del tribunale. Per non dimenticare chi è rimasta vittima della violenza di genere. Iniziativa toccante, ieri mattina, ai tribunali penale di via Falcone e Borsellino e civile di via de Larderel, in due diversi momenti che si sono celebrati alla presenza dei magistrati e dei professionisti forensi.

A organizzare l’iniziativa il comitato delle pari opportunità degli avvocati e delle avvocate della città, di cui fa parte la consigliera provinciale per le pari opportunità, la legale Cristina Cerrai. Alla cerimonia al tribunale penale hanno preso parte anche il procuratore Ettore Squillace Greco il presidente del tribunale penale, Gianmarco Marinai. «Vogliamo dare un segnale forte – dice Cerrai – perché nel momento in cui c’è la disgregazione della coppia inizia la manifestazione più acuta della violenza. Per questo abbiamo scelto anche il tribunale civile come luogo simbolo, mentre la sede penale è deputata a giudicare le violenze e a prevenirle con le misure cautelari. Bisogna dare anche una possibilità di sostegno a questi uomini, per questo allo sportello della Provincia di Livorno c’è una sezione che li ascolta e li aiuta. Così possono rendersi conto di ciò che hanno fatto e diventarne consapevoli per non ripetere gli errori».