Tragedia a Montenero: muore a 61 anni soffocata da un pezzo di carne nella Bisteccheria

Le ambulanze davanti al ristorante (foto Daniele Stefanini/Silvi)

Livorno: la donna era a pranzo al ristorante di piazza delle Carrozze insieme a un'infermiera dell'Asl, in quel momento libera dal servizio. Inutili i soccorsi

LIVORNO. Tragedia in piazza delle Carrozze, al ristorante "La Bisteccheria", dove una donna livornese di 61 anni - Nicla Salvi - è morta soffocata da un pezzo di carne mentre stava mangiando insieme a un'infermiera dell'Asl. Secondo quanto appreso la sessantunenne, da tempo, aveva chiesto all'operatrice sanitaria di andare a pranzo con lei fuori, per questo l'operatrice era andata a prenderla a Villa Serena - la struttura dove era ricoverata e abitava - per l'uscita programmata, prevista e consentita dai regolamenti interni.

La tragedia è avvenuta attorno alle 14.30 di martedì 23 novembre e sul posto, in pochissimi minuti, sono intervenuti i sanitari della Misericordia di Montenero, la cui sede è proprio vicino al ristorante. A chiamarli i proprietari de "La Bisteccheria", che contattati dal Tirreno si dicono scossi per quanto accaduto, esprimendo le proprie condoglianze ai familiari della donna deceduta.

I soccorritori, per primi, hanno cercato di salvarle vita, ma è rapidamente andata in arresto cardiaco. Sul posto sono sopraggiunti anche i colleghi (con l'ambulanza con l'infermiere del 118) della Misericordia di Antignano e anche quelli della Misericordia di via Verdi, con il medico. A confermare la morte per "ostruzione delle vie aeree da bolo alimentare" è direttamente il 118.