Ottanta poliziotti su 500 non si sono vaccinati. Il questore: «La situazione è serena»

Il questore Roberto Massucci (foto Silvi)

Meno del 20 per cento secondo la questura il totale degli agenti che farà i tamponi ogni 48 ore: «Il servizio al cittadino non ne risentirà»

LIVORNO. Ottanta poliziotti su 500, nell’intera provincia di Livorno, senza il vaccino anti-Covid. Agenti che per entrare al lavoro, da oggi, saranno costretti a fare il tampone. È questo il dato – ed è l’unica forza dell’ordine che lo ha comunicato al Tirreno – che riguarda la questura di Livorno. Meno del 20 per cento il personale che per adesso ha deciso di non vaccinarsi, ricorrendo al test in farmacia o nei laboratori ogni 48 ore, pena la sospensione dal lavoro come previsto dal Governo. Una percentuale che comunque – secondo quanto appreso – sarebbe più bassa a Livorno e più alta nel resto della provincia. Il dato dei 500 agenti complessivi riguarda tutto il personale della polizia di Stato, ogni sezione: sono comprese polizia ferroviaria, commissariato porto, stradale e commissariati.

«Il dato attualmente è questo – conferma il questore Roberto Massucci, raggiunto dal Tirreno – quindi siamo sotto il 20 per cento di non vaccinati a livello provinciale, considerando la platea di 500 persone. Siamo preparati nel gestire al meglio questa situazione e ci stiamo organizzando ormai da giorni per essere pronti. Ho grande fiducia nei nostri agenti: l’obiettivo è privilegiare il servizio al cittadino e sono sicuro che la nostra attività non ne risentirà. Magari potrebbe esserci qualche caso singolo da affrontare, lo capiremo nei prossimi giorni, ma non ho al momento evidenze di criticità. Ripeto: ho una grande fiducia nei poliziotti e sono sicuro che tutta andrà per il meglio».


CARABINIERI

I carabinieri fino a ieri non avevano ancora dati ufficiali sui militari senza il vaccino di tutta la provincia di Livorno, visto che l’obbligo del Green pass per lavorare entra in vigore oggi e solo nei prossimi giorni si potrà avere una panoramica completa, suscettibile comunque di continue variazioni, visto che i carabinieri che finora non lo hanno fatto, potrebbero decidere di vaccinarsi comunque nei prossimi giorni. Il dato complessivo, fra le forze dell’ordine, a livello nazionale, all’inizio del mese di ottobre era di uno su cinque senza protezione. Al momento nessun appartenente all’Arma labronica si sarebbe detto contrario al test del tampone ogni 48 ore in alternativa al vaccino, che per le forze dell’ordine era partito fin dai mesi iniziali dell’introduzione, con molti che si sono vaccinati con AstraZeneca. Anche per quanto riguarda i carabinieri, quindi, non dovrebbero esserci disagi nei servizi al cittadino con l’avvento del Green pass obbligatorio.

polizia municipale

Nessun dato ufficiale nemmeno da parte della polizia municipale, che prima di oggi o dei prossimi giorni non è in grado di stabilire quanti siano gli agenti locali senza il vaccino. È quanto si apprende dall’amministrazione municipale. L’unico aspetto che filtra dal Comune e che la percentuale dei vigili urbani non vaccinati sarebbe bassa, tale da non creare ripercussioni sul controllo del territorio e i servizi ai cittadini. E comunque, chi non si è vaccinato, farà il tampone.