Caos in via del Leone, rissa per difendere il figlio: due settantenni all'ospedale

Un poliziotto sul posto dopo la rissa (foto Daniele Stefanini/Silvi)

Livorno: lite sotto casa fra vicini dopo che meno di un mese fa ci fu un'aggressione con un tirapugni. Distrutta una bicicletta

LIVORNO. Prima gli insulti. Poi la rissa che ha coinvolto quattro persone. Un diverbio nato per vecchi dissidi condominiali – con il precedente, lo scorso 22 settembre, di un’aggressione con un tirapugni e la conseguente denuncia per lesioni aggravate – culminato con due settantenni trasportati all’ospedale e una bicicletta distrutta.
È stato un pomeriggio di caos quello vissuto attorno alle 16.30 di martedì 12 ottobre in via del Leone, non lontano da via Garibaldi. Tutto sarebbe nato da un diverbio fra due livornesi di 41 anni sotto il palazzo dove entrambi abitano. Poi, ma su questo gli inquirenti stanno ancora effettuando accertamenti, a difesa di uno dei due sarebbero intervenuti i genitori – un uomo di 72 anni e una donna settantenne – colpiti rispettivamente da un pugno e da uno schiaffo dal contendente, proprietario della bicicletta che è stata poi distrutta dal figlio della coppia.
 
Sul posto, per soccorrere i genitori, è intervenuta un’ambulanza della Svs di via San Giovanni (con il medico del 118 a bordo) che ha trasportato l’uomo al pronto soccorso, mentre della donna si sono presi cura i volontari della Croce rossa italiana. Entrambi sono stati accompagnati al pronto soccorso in condizioni non gravi.
Per fare piena luce sulla vicenda – e valutare un’eventuale denuncia per lesioni personali – sono sopraggiunti due equipaggi della Squadra volante dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della polizia di Stato, con gli agenti che hanno riportato la calma.