Contenuto riservato agli abbonati

A Livorno apre il distretto Asl in via Mondolfi. Ecco quali servizi ospiterà

La Misericordia di Antignano dove nascerà il distretto bis e le condizioni attuali di via del Mare

Apre il distretto Asl di Antignano. Finalmente i cittadini delle zone sud di Livorno avranno di nuovo vicino a casa una struttura per le attività socio-sanitarie

LIVORNO. Apre il distretto Asl di Antignano. Con un po’ di ritardo rispetto ai tempi annunciati a inizio estate (si parlava di fine luglio) finalmente i cittadini delle zone sud di Livorno avranno di nuovo vicino a casa una struttura per le attività socio-sanitarie e non saranno più costretti a spostarsi a Salviano o a Fiorentina. Le porte dovrebbero spalancarsi lunedì 27 settembre. Il condizionale è d’obbligo poiché l’ufficializzazione dell’Asl ancora non è arrivata. Ma dopo diversi contrattempi sembra che stavolta davvero sia arrivato il momento. Il distretto sarà aperto nei locali della Misericordia di Antignano, in via Mondolfi, davanti all’Apparizione, e resterà attivo fino a quando non sarà pronto l’edificio di via del Mare, chiuso il 30 giugno 2018 per una ristrutturazione che doveva essere rapida e che invece è diventata infinita. Il distretto di Antignano si chiamerà Centro Socio Sanitario Sud e sarà aperto cinque giorni a settimana, dal lunedì al venerdì dalle 7.15 alle 13.30.

I SERVIZI

All’interno saranno erogate prestazioni di check point e accoglienza, Cup, anagrafe sanitaria (cambio medico e pediatra), punto prelievi, consultorio per adulti. Sarà presente anche lo specialista ginecologo.

La struttura dispone, oltre all’ambultario dedicato ai prelievi, di altri due ambulatori di cui uno dotato di ecografo multispecialistico e di un ambiente per i corsi preparazione al parto. Una volta avviate le attività di base, il progetto dell’Asl è quello di ampliare le prestazioni specialistiche da mettere a disposizione dei cittadini.

I LAVORI
Come si ricorderà, da tempo l’Asl era alla ricerca di locali idonei ad ospitare provvisoriamente una parte delle attività del distretto di Ardenza. La farmacia Culla aveva offerto alcune stanze in via del Mare, mentre il Comune, prima dell’emergenza Covid, aveva ipotizzato una struttura provvisoria all’interno del Pascoli. Ma nessuna delle due idee, per motivi diversi, era andata in porto. Tra le ipotesi era emersa anche la possibilità di utilizzare le strutture della Misericordia di Antignano sull’Aurelia, ma i lavori al ponte sul Rio Ardenza avevano fatto scartare anche questa possibilità, visto che il distretto-bis sarebbe stato raggiungibile solo venendo da Antignano. Lo scorso marzo l’Asl ha riproposto una manifestazione di interesse e stavolta l’offerta presentata dalla Misericordia è risultata praticabile: l’immobile tra l’altro era già stato destinato ad attività sanitarie (c’era un centro di fisioterapia) e garantisce la possibilità di parcheggio. Ma i tempi burocratici sono stati lunghi. Nel frattempo la Misericordia ha effettuato gli interventi necessari per rendere i locali idonei.