Contenuto riservato agli abbonati

Covid, anche a Livorno salgono i contagi tra i giovani. Ricoverata anche una bambina di sette anni 

La dottoressa Consigli: la situazione non è allarmante ma seria. La piccola in ospedale insieme alla mamma anche lei positiva

LIVORNO. La situazione non è allarmante ma è seria. Il quadro che emerge dall’ultima seduta della commissione Sars Covid indica che il virus, nelle sue varianti, è in circolo. E la fascia più colpita resta quella tra i 19 e i 34 anni, con un incremento di casi - segnalato nei giorni scorsi anche dai pediatri di famiglia –-anche tra i 12 e i 17 anni. Roberta Consigli , direttrice del Dipartimento di Prevenzione dell’Asl Nord Ovest, è chiarissima: «Ci aspettavamo un rialzo dei casi ma posticipato nel tempo. Il dato invece indica un aumento non costante, ma preoccupante. I numeri di Livorno sono in linea con quelli della Regione e dell’asl Nord Ovest». In ospedale a Livorno ieri mattina c’erano cinque ricoverati, di cui uno gravissimo in Rianimazione da due mesi. Ma soprattutto si stava preparando il ricovero di una bimba di 7 anni, non grave ma con chiari sintomi di disidratazione. Le buone notizie arrivano dalla campagna vaccinale, che funziona. andamento contagio Dal 22 al 28 luglio, a Livorno, ci sono stati 186 casi così suddivisi: 36 il 22 luglio, 18 il 23, 15 il 24, 29 25, 14 il 26, 47 il 27 e 27 il 28 luglio. Ieri erano 27. La fascia di età più colpita, per l’appunto, quella sotto i 34. «Nella quasi totalità dei casi – ha detto la dottoressa Consigli _ si tratta di soggetti non ancora vaccinati. Sebbene siano ancora da esaminare i processi di caratterizzazione del virus si può affermare che “la variante Delta sta diventando predominante», ha spiegato la direttrice dell’unità di Prevenzione. Si tratta, per la prevalenza, di casi di pazienti asintomatici o paucisintomatici.

LA SITUAZIONE IN OSPEDALE

Erano cinque i ricoverati per Sars-Covid in ospedale, ma dal pomeriggio di ieri sono diventati sei perché - come ha spiegato il direttore dott. Luca Carneglia - si è reso necessario attrezzarsi per il ricovero di una bambina di 7 anni, contagiata insieme alla madre e in osservazione al pronto soccorso. Se tutti i casi presentano un quadro clinico di polmonite, la bambina – ha riferito il medico – aveva un forte stato di disidratazione. Degli altri cinque ricoverati, due pazienti hanno bisogno di ossigenazione mentre uno, in Rianimazione da quasi due mesi, versa in condizioni molto gravi. Carneglia ha anche sottolineato che ci sono alcuni casi di personale sanitario che, benché vaccinato, ha contratto di nuovo il virus in forma asintomatica. Il contagio, secondo quanto spiegato dal direttore, sarebbe avvenuto nell’ambiente familiare (figli positivi). Quanto all’organizzazione dell’ospedale nel dopo emergenza, Carneglia ha ricordato che oggi l’area Covid è stata trasferita al decimo padiglione primo piano, con il pronto soccorso covid al terreno. Oggi l’area covid è attrezzata per 12 posti.

LA CAMPAGNA VACCINALE

Funziona la campagna vaccinale. Livorno ha superato, il 26 luglio, quota 100mila vaccini effettuati – ha ricordato Cinzia Porrà , direttrice del distretto area livornese – rispetto al milione e 200mila di tutta l’Asl. Il dato che la responsabile evidenzia, però, è quello della percentuale di residenti vaccinati che a Livorno è del 75,9%.

AVANTI CON GLI OVER 60

Nel suo intervento in commissione il sindaco Luca Salvetti ha sottolineato l’importanza di “andare avanti per step” nella gestione della pandemia, esprimendo soddisfazione per il livello ed i risultati della campagna vaccinale in città, in particolare l’organizzazione efficiente dell’hub al Palamodigliani e degli altri centri. Ha però chiesto uno sforzo per andare avanti con l’operazione messa in campo, anche qa livello di territorio, per vaccinare quella fascia di over 60 ancora sprovvisti della prima dose. La presidente della commissione Cristina Lucetti ha evidenziato i risultati delle vaccinazioni e la necessità di avere un quadro dettagliato della situazione in città anche alla luce di una ripresa dei casi di contagio. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA