Ruzzoteca di Livorno chiede il Green pass per entrare: travolta dalle offese 

Ondata di solidarietà per l’associazione livornese anche da parte di parlamentari. «Avanti rispettando la legge» 

LIVORNO. Sono bastate poche righe per scatenare prima l’inferno delle offese, a cui poi è seguita una maxi ondata di solidarietà. Arrivata da tutta Italia, passando anche per i parlamentari Emanuele Fiano e Francesco Berti. La Ruzzoteca di via delle Sorgenti, con il suo migliaio di soci, ha informato sulla sua pagina Facebook che dal 6 agosto “sarà necessario mostrare il green pass per occupare i tavoli all’interno. Con la collaborazione di tutti, contribuiremo ad abbattere ulteriormente i rischi del contagio”, si legge.

«Sono bastate quelle poche righe che noi ribadiamo, per venire inondati da offese e insulti di tutti i tipi da gruppi organizzati probabilmente no vax, non di Livorno», a raccontare quel che è stato è il presidente dell’associazione sportiva dilettantistica di promozione sociale, Antonio Carbone che dal 2017 ha aperto la ludoteca per adulti.


«Nella nostra informativa ai soci abbiamo messo la data del 6 agosto con l’hashtag e questo ha fatto fare alla nostra comunicazione il giro d’Italia: in un attimo abbiamo ricevuto attacchi da centinaia di persone sconosciute, che stanno inondando le nostre pagine social. Ci hanno accusato di essere fascisti, nazisti, venduti, di essere gestori di Auschwitz, ci hanno augurato di chiudere, di fare la fame, hanno invitato tutti a non frequentare il circolo».

Per Carbone e la vice presidente Valentina Del Santo è stato come ritrovarsi in un girone dantesco. «Sia su Facebook che sulla pagina Google che abbiamo per farci conoscere hanno cominciato a screditarci con falsità, a spacciarsi per nostri soci quando in realtà non hanno mai varcato la porta. Qualcuno ha recensito la nostra attività inventandosi bicchieri sporchi, manate sul tavolo, consumazioni care. Persone che ripeto, non hanno mai varcato quella soglia».

Questa cattiveria per cosa? «Ci tengo a sottolineare che tutti questi insulti non ci hanno scalfito, tanto più che noi abbiamo specificato che chiederemo il green pass per i nostri locali interni, non per quanto riguarda la parte esterna». La Ruzzoteca è una ludoteca per adulti, dove si possono trovare giochi da tavolo sani e intelligenti, si possono fare giochi di ruolo, si può giocare a freccette, dama, scacchi.

In questo caos , comunque, anche la “parte buona” della rete ha fatto sentire forte la propria voce. Con una travolgente ondata di solidarietà che ha toccato centinaia di cittadini di tutta Italia (Livorno compresa) fino ad arrivare ai parlamentari Pd e Cinque Stelle, Emanuele Fiano e Francesco Berti che hanno promesso visite e rinnovo della tessera soci. Il servizio assistenza di Google, informato dell’accaduto, ha tolto tutte quelle recensioni dove si faceva riferimento al green pass. «Le leggi si rispettano – chiude Carbone – La nostra attività andrà avanti nella legalità: grazie a tutte quelle persone che hanno dimostrato la loro vicinanza. Speriamo che la politica sappia gestire questa situazione che sta degenerando». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA