Contenuto riservato agli abbonati

Conto alla rovescia per Esselunga a Livorno: c'è la data di apertura

Uno scorcio della facciata del nuovo superstore Esselunga di viale Petrarca (foto di Daniele Stefanini/Franco Silvi)

I lavori del supermercato verso la conclusione. Viaggio nella nuova struttura, dall’area ristoro fino ai negozi e ai garage

LIVORNO. I livornesi se lo chiedono da diverso tempo: «Quando aprirà?». Il Tirreno ora può darvi la risposta precisa perché ormai ci siamo e l’attesa sta per finire.

Una sorta di data storica - si può definirlo l’evento clou dell’estate livornese - se si pensa che ci sono voluti quasi vent’ anni per arrivare a far sì che un marchio di di questo calibro, uno dei leader della grande distribuzione del nostro paese, riuscisse a sbarcare in città.

Il prossimo 28 luglio, di mercoledì, il superstore Esselunga di Livorno aprirà infatti le porte ai suoi primi clienti. Manca solo il crisma dell’ufficialità, ma come sa bene anche l’ultimo arrivato tra gli operai che da mesi lavorano nel grande cantiere, la data fissata per l’inaugurazione ormai è questa.

«I lavori procedono secondo i tempi stabiliti e l’azienda conferma l’intenzione di aprire il nuovo superstore di Livorno entro la fine di luglio», hanno fatto sapere ieri al Tirreno dalla sede milanese di Via Giambologna. La prudenza e il riserbo da parte di Esselunga, da dove come sempre si limitano a confermare che le tempistiche dei lavori sono rispettati, è comprensibile alla luce anche di un ultimo intoppo, un incidente di percorso a un passo dal traguardo, che ha davvero del grottesco: nei giorni scorsi, gira voce tra gli uffici comunali, si sarebbe infatti negata l’autorizzazione all’azienda di poter apporre le insegne Esselunga sulle facciate del nuovo supermercato (sono tre in tutto, una di 76 metri sulla facciata principale, una di 50 metri sul lato e una di 15 sull’altro, peraltro già presenti nei render pubblicati) per una semplice questione burocratica.

Una cosa difficile da contemplare visto il lungo iter amministrativo della vicenda e visti anche gli innumerevoli passaggi in consiglio comunale della complessa variante urbanistica che ha portato alla realizzazione del grande supermercato, o i quasi tre anni di cantiere che hanno portato alla demolizione di un intero quartiere di edifici e capannoni abbandonati (l’ex concessionaria Fiat) e alle migliaia di metri cubi di terreno rimossi, ma visto soprattutto che oggi quella cattedrale di acciaio e vetro, una struttura che ha cambiato i connotatati al viale Petrarca, è pronta a entrare in servizio permanente effettivo. Comunque Esselunga procederà per una nuova autorizzazione per le insegne. Intanto il cantiere procede comunque a ritmi serrati: operai e mezzi sono costantemente al lavoro e ben visibili da chi transita lungo l’Aurelia. Ma entriamo dentro il cantiere. Il lato sud dell’edificio è ultimato, e a fine mese intanto i lavori in facciata saranno completati: la pensilina in acciaio lunga un centinaio di metri e che farà da cornice alle vetrate illuminate dell’ingresso principale con il portico è in fase avanzata di montaggio. All’interno i pavimenti, mattonelloni quadrati che richiamano i vecchi pavimenti in graniglia, sono già stati posati, così come è stato già ultimato l’impianto di illuminazione e gli addetti sono già all’opera per il montaggio delle scaffalature. I 160 operai che ogni giorno lavorano nel cantiere sono alle prese con le rifiniture: già approntate la macelleria, a vista, e la pescheria nella parte posteriore del negozio a fianco del grande spazio che occupa la cantina. Anche la hall, che ospiterà un bar, la panetteria e un’area ristoro, che affaccia sul giardino sotto la pensilina dell’ingresso principale è quasi completata.

Ultimi ritocchi infine ai parcheggi interrati, uno blu e l’altro giallo, da 960 posti complessivi, che sono raggiungibili da via Torino e via Ferraris con due rampe a doppia corsia. Dai posteggi si potrà accedere al negozio tramite gli ascensori laterali e due grandi scale mobili. All’esterno procedono spediti anche i lavori di sistemazione del parco-giardino, da cui si potrà accedere all’interno del negozio direttamente dal marciapiede su viale Petrarca, con gli allestimenti che saranno rifiniti in pietra serena, panchine, sedute e accessi. Nel frattempo le opere di urbanizzazione sono state completate, compreso il rifacimento del piazzale sul retro del supermercato che serve alcune attività interne a via Napoli e che, per ragioni di buon vicinato, l’azienda ha rifatto a spese proprie. —

RIPRODUZIONE RISERVATA