La spaccata da Sardelli provoca una lunga scia di danni: "Dovremo pagare almeno duemila euro"

I danni da Sardelli (foto Michele Silvestri/Silvi)

Livorno, amara conta dopo il raid di via Collinaia: "Erano tre persone, coperte con la mascherina, e non hanno usato un tombino"

LIVORNO. Con un tombino hanno spaccato la vetrata di una finestra del bar pasticceria Sardelli, rubando cento euro di fondo cassa. Colpo dei ladri nel locale di via di Collinaia, dove a mezzanotte e 45 della notte fra mercoledì 9 e giovedì 10 giugno tre malviventi – ripresi dalle telecamere di sorveglianza installate all’interno – hanno provocato «almeno duemila euro di danni», spiegano dall’attività commerciale.
 
Immediato l’intervento di una pattuglia dei carabinieri, che hanno effettuato un sopralluogo nel bar. «Erano in tre, due sono entrati e uno è rimasto fuori – raccontano dal locale – e avevano tutti una mascherina a coprire la bocca. Abbiamo trasmesso la registrazione video ai carabinieri, dove siamo andati a fare denuncia».
Secondo i responsabili del bar di via Collinaia «in zona di notte servirebbero certamente più controlli – spiegano – anche se è chiaro che le forze dell’ordine, con le poche auto e i pochi uomini che hanno disposizione, fanno già il massimo ed è difficile chiedere di più. Di sicuro, comunque, più sicurezza ci potrebbe essere».
Il locale ha chiuso a mezzanotte, con l’ultimo dipendente andato via poco dopo. I ladri – come si può vedere nella foto di Michele Silvestri/Silvi – hanno agito dopo poco più di un quarto d’ora. «Probabilmente erano fuori ad aspettare che non ci fosse più nessuno – concludono da Sardelli – perché altri non si spiega».