Contenuto riservato agli abbonati

Aamps cerca operatori per la differenziata: come candidarsi

Al via la selezione per formare una graduatoria dalla quale pescare in caso di assunzioni. Domande entro il 14

LIVORNO. L’Aamps è la società al 100% del Comune di Livorno che si occupa di raccogliere 79mila tonnellate annue di rifiuti urbani (con uno standard di “differenziata” che ha raggiunto il 66,5%): a distanza di poche settimane dalla scadenza dell’accoppiata di selezioni precedenti per figure tecniche, dal quartier generale in via dell’Artigianato si mette in pista una selezione per dare vita a una graduatoria relativa alla figura di operatori abilitati alla raccolta differenziata. Obiettivo: poter pescare da lì in caso di eventuali assunzioni di personale a tempo indeterminato e/o determinato, che si tratti di posti con orario full time o anche che posizioni part time.

Gli interessati hanno ancora una settimana e mezzo per presentare domanda: c’è tempo fino alle ore 12 del prossimo 14 maggio. In sostanza, sono due le modalità ammesse. L’una è la posta elettronica certificata (pec) all’indirizzo aamps@postecert.it (come detto, entro le ore 12 del 14 maggio). L’altra è la consegna a mano, sempre entro la stessa scadenza, direttamente presso la sede legale a Livorno in via dell’Artigianato 39/B; attenzione, la scadenza non riguarda la data d’invio ma quella di ricezione. Peraltro, è bene consultare sul banco completo tutti i passaggi esatti, compresa la dicitura sulla domanda.


Sono richieste – viene sottolineato – «le competenze necessarie a svolgere i servizi di raccolta differenziata presso il territorio comunale di Livorno e le attività accessorie (carico, scarico, conduzione di veicoli e mezzi d’opera in autonomia o in concorso con altri operatori)». L’inquadramento previsto è il terzo livello del contratto collettivo settore servizi ambientali Utilitalia.

Quali sono i requisiti per chi vuol farsi avanti? La risposta è nel testo completo del bando, che è consultabile anche sul sito web aziendale www. aamps.livorno.it: è raggiungibile dalla homepage mediante il link “amministrazione trasparente” (in alto), poi “bandi di concorso”, infine “selezione esterne in corso”. Dagli uffici della società municipale fanno comunque sapere che gli interessati, oltre alle prerogative tipiche dei concorsi per il pubblico impiego (come, ad esempio, cittadinanza italiana o dell'Unione europea, assenza di condanne penali, possesso dei diritti civili e politici, eccetera), devono avere alcuni requisiti indispensabili: 1) essere in possesso di patente C e Cqc in corso di validità; 2) avere una ottima conoscenza parlata e scritta della lingua italiana; 3) essere in possesso del diploma di scuola secondaria di primo grado; 4) idoneità fisica verificata con visita medica preventiva; 5) disponibilità a lavorare in turno mattutino, pomeridiano, serale, notturno, domenicale e festivo.

La graduatoria – viene messo in evidenza – sarà stilata «tra tutti coloro che risulteranno in possesso dei requisiti richiesti sulla base di un punteggio derivante dall’esperienza professionale (massimo 36 punti) e dal risultato della prova pratica (massimo 24)». Aggiungendo poi che «entro 14 giorni dalla presentazione delle domande» verranno resi noti sul sito web aziendale tanto la graduatoria quanto l’elenco dei candidati che dovranno sottoporsi alla prova pratica.

L’Aamps comunque mette le mani in avanti: tiene a puntualizzare che «la selezione non dà luogo ad alcun impegno di assunzione da parte di Aamps» in quanto è «finalizzata solo alla formazione di una graduatoria per gli utilizzi che l’azienda riterrà utili secondo le proprie specifiche necessità». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA