Scuole superiori a Livorno, lunedì si torna in aula: la guida agli orari

Il primo giorno di scuola dei ragazzi dell’Enriques alla succursale di via Goldoni

Addio didattica a distanza per le quinte, non per le altre classi: istituto superiore che vai, organizzazione diversa che trovi

LIVORNO. Le quindici classi quinte del liceo Cecioni rientreranno in classe da lunedì. Tutti gli studenti dell’ultimo anno torneranno alla “normalità”, mentre i cugini delle diciannove classi prime ripartiranno regolarmente in presenza dal lunedì successivo, 3 maggio. Lo faranno in maniera graduale. Questa la grande novità annunciata dalla dirigente del maxi liceo di via Galilei Cristina Grieco. Come lei, tutti i colleghi dirigenti scolastici della scuole superiori cittadine sono alle prese con la nuova riorganizzazione delle lezioni, secondo il decreto covid varato l’altro ieri dal consiglio dei ministri. Guardando al 26 aprile si fanno proposte.

Ovviamente si torna a ritoccare anche la presenza degli studenti in classe. Un balletto continuo. Un rompicapo. Una matassa che i dirigenti stanno cercando di sbrogliare per adeguarsi alle nuove direttive. Su un aspetto sono tutti d’accordo: gli studenti di quinta, quelli che avranno l’esame di maturità torneranno in classe al 100%. Praticamente in ogni istituto.


Comunque saranno mantenuti ingressi scaglionati, distanze di sicurezza, ed è sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l'uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l'effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. Manca all’appello l’istituto Vespucci-Colombo: Il Tirreno ha più volte contattato la dirigente Francesca Barone senza però avere risposta.

QUI CECIONI

Il maxi liceo Cecioni di via Galilei a settembre 2021 avrà oltre 2mila studenti, con un personale di circa 250 docenti e una sessantina tra collaboratori e personale Ata. Cosa accade da lunedì? «Partiamo da una situazione generale di una scuola che fa lezioni in presenza al 50% a settimane alterne: da lunedì le quinte rientreranno al 100%, torneranno quindi alla normalità», racconta la dirigente Cristina Grieco. Il lunedì successivo anche le prime classi torneranno alla normalità. «Abbiamo fatto questa scelta per agevolare i ragazzi di quinta che si devono preparare per gli esami di maturità, mentre per gli studenti di prima vogliamo agevolare l’aspetto della socialità, perché praticamente non sono mai stati in classe tutti insieme», spiega. Grieco ci tiene a sottolineare che come scuola hanno seguito le indicazioni del consiglio d’istituto, quelle regionali e nazionali. Le altre classi, quindi dalla seconda alla quarta, resteranno in presenza al 50%. «Questa percentuale di presenza al 70% è ragionevole anche per non fare troppa pressione sui mezzi di trasporto». E chiude: «A questo punto dell’anno di più non possiamo fare per questione di spazi, anche perché dobbiamo garantire il distanziamento: modificare l’orario è impensabile». E ci tiene a specificare: «Se il decreto ci avesse chiesto un rientro al 100% per noi sarebbe stato impensabile perché non abbiamo spazi a sufficienza e non voglio fare doppi turni».

AL NICCOLINI PALLI

Alessia Bianco guida il suo liceo Niccolini Palli con 633 studenti: la prospettiva di rientro che sarà proposta al consiglio d’istituto, nel rispetto dei protocolli di sicurezza richiesti, prevede la presenza al 100% degli studenti delle classi quinte, di quelli che utilizzano i laboratori del liceo musicale e coreutico. «Ovviamente come è sempre stato previsto dai precedenti decreti covid e anche in quest’ultimo anche per gli studenti disabili e per quelli che hanno bisogni educativi speciali la presenza è garantita al 100% se richiesto dalle famiglie», precisa. «Le restanti classi saranno presenti con un forbice tra il 70 e il 75%». Come per tutte le altre scuole gli ingressi saranno scaglionati alle 8, alle 9 e alle 10 e come sempre tutte le attività laboratoriali si terranno, con turnazione, nel pomeriggio. Anche Bianco non nega che l’ennesimo cambiamento a poco più di un mese dalla fine dell’anno scolastico si poteva evitare.

GEOMETRI BUONTALENTI

Priorità alle classi quinte anche al polo scolastico Buontalenti, Orlando e Cappellini guidato dal dirigente Alessandro Turano. La decisione collegiale è già stata presa: al Geometri frequenteranno in presenza la quarta e la quinta dell’istituto di via Zola; le altre classi si alterneranno giornalmente, a rotazione, in presenza e in didattica a distanza.

NAUTICO CAPPELLINI

Al Nautico Cappellini di piazza Giovine Italia frequenteranno sempre in presenza le classi quinte e le prime. Da una parte c’è la necessità di preparare per bene gli esami di maturità e dall’altra quella di far socializzare le “matricole”. Le altre classi, a rotazione giornalmente, alterneranno un giorno in aula e l’altro in dad. «Utilizzeremo anche le sette aule di Porta a Mare», spiega il dirigente Turano.

ORLANDO

In piazza Due Giugno all’istituto professionale Orlando saranno in classe, in presenza, le classi quinte e le classi prime. Gli studenti dalla seconda alla quarta, giornalmente, alterneranno lezioni in aula e in didattica a distanza.

ENRIQUES

La proposta del liceo Enriques di via della Bassata guidato dalla dirigente Nedi Orlandini che dovrà passare dal consiglio è quella di allinearsi ai colleghi: le classi quinte, che in totale sono nove, frequenteranno in presenza. Su tutte le altre 55 classi sarà attivata la presenza al 75%. «Utilizzeremo la turnazione sulle due sedi con 4 giorni alla settimana di classi in presenza e 1,2 giorni alla settimana di dad a seconda se la classe fa settimana corta o meno», spiega la vice preside Eleonora Agostinelli.

ITI

All’Iti di via Galilei le classi totali saranno divise in 4 gruppi, escludendo le classi quinte per le quali sarà proposta la frequenza in presenza al 100%. Ogni gruppo, poi, farà rotazione: ogni due settimane le classi che lo compongono staranno 3 giorni in didattica a distanza e 9 giorni in presenza. La stessa rotazione sarà ripetuta anche nelle settimane successive. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA