Ufficiale dell'Esercito cade in bici su un sentiero: soccorso su un fuoristrada dal medico del Pegaso - Foto

Il direttore della Misericordia di Antignano, Fabio Cecconi, al campo sportivo della Scopaia in assistenza al Pegaso 1 (foto Silvestri)

Livorno: è successo in via del Puntone. Ci sono volute oltre due ore a causa del vento che rendeva impossibile trasferirlo col verricello sull'elisoccorso, atterrato al campo sportivo della Scopaia. Poi è stato trasportato in ospedale dalla Misericordia di Antignano

LIVORNO. Ha perso la ruota della mountain bike mentre pedalava nel bosco. Cadendo rovinosamente. Un ufficiale dell'Esercito di 41 anni è stato soccorso dopo una caduta su un sentiero impervio nella zona di via del Puntone, allo Stillo, sulle colline livornesi. Il ciclista - che non è grave - è riuscito a dare l'allarme al 118, che ha inviato sul posto un fuoristrada della Misericordia di Antignano e l'elisoccorso Pegaso decollato da Firenze, che però non è riuscito a trasportarlo a bordo con il verricello a causa del forte vento che imperversava in zona. Nessuna ambulanza, a causa del terreno sconnesso dello stradello, poteva arrivare in sicurezza sul luogo dell'incidente.

I soccorsi del Pegaso alla Scopaia (foto Michele Silvestri)

Per questo motivo, il personale di Toscana soccorso, ha deciso di atterrare nel campo sportivo della Scopaia, in via San Marino, dove è giunto anche un equipaggio della Squadra volante dell'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della polizia di Stato, diretto dal commissario capo Claudio Cappelli. L'incidente nel bosco è avvenuto attorno alle 11.30 di sabato 17 aprile, con il militare che avrebbe fatto tutto da solo, a causa della rottura della bici, mentre l'elisoccorso dopo aver volato per diverse decine di minuti in zona è atterrato attorno alle 12.45 nel recinto di gioco del quartiere della Scopaia.

La partenza del Pegaso dalla campo sportivo della Scopaia (foto Michele Silvestri)

Il personale sanitario dell'elisoccorso è poi stato inviato in zona a bordo del fuoristrada della Misericordia di Antignano, che ha soccorso il ciclista caduto. Insieme ai volontari e al medico anche un mezzo delle forze dell'ordine. Il quarantunenne è poi stato trasferito in condizioni non gravi - aveva un trauma cranico e ferite alla faccia - da un'ambulanza della Misericordia di Antignano giunta per un rendez-vous alla Scopaia, mentre l'equipaggio di Toscana soccorso è ripartito con il Pegaso verso Firenze.