A vent’anni nasconde due etti di droga nello scooter: arrestato in via Marradi

Lo studente livornese era in compagnia di alcuni amici quando è stato fermato dai militari della finanza, sabato 10 aprile la convalida in tribunale

LIVORNO. A vent’anni nascondeva due etti di hashish nel vano sottosella del suo scooter. Per questo uno studente livornese è stato arrestato nella serata di mercoledì 7 aprile dalla finanza. Secondo una prima ricostruzione, i militari hanno fermato il ventenne e altri amici in via Marradi. Dopodiché hanno effettuato alcuni controlli perquisendo, tra gli altri, anche lo scooter del giovane.

È qui che gli investigatori hanno trovato i due panetti di hashish. In un primo momento il ventenne è stato trasferito agli arresti domiciliari su disposizione del pubblico ministero di turno Niccolò Volpe con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio. Nel frattempo, però, i finanzieri hanno effettuato alcuni accertamenti ascoltando sia lo studente che gli amici che erano in sua compagnia. Da quello che trapela, la ricostruzione che sta prendendo piede, è che il giovane arrestato fosse non il proprietario della droga, bensì il custode. Ma in cambio di che cosa?

È attorno a questa domanda che i finanzieri stanno cercando di far luce su un sistema di compravendita di hashish tra giovanissimi livornesi. Il giovane (di cui non sono state fornite le generalità), difeso dall’avvocato Cristiano Spadoni nella mattina di sabato 10 aprile comparirà in tribunale per la convalida dell’arresto. «Il pubblico ministero – spiega l’avvocato – ha già richiesto per il mio cliente un alleggerimento della misura cautelare con l’obbligo di presentazione alle forze dell’ordine. Questo – conclude – speriamo che sia il segnale che la sua posizione sia stata già chiarita e alleggerita rispetto alle ipotesi iniziali». —


© RIPRODUZIONE RISERVATA