Manager smaschera i truffatori: in due arrestati nel supermercato con l'assegno rubato

Il manager di "Zona Cash & Carry", Antonio Ania (foto Marzi)

Livorno: hanno tentato di acquistare cibo e bevande per 1.400 euro. Il direttore di "Zona", Antonio Ania: "Ringrazio i carabinieri di Stagno"

LIVORNO. Uno di loro si sarebbe spacciato per un'altra persona, un ipotetico cliente di lunga data, facendo insorgere in lui dei sospetti. Sospetti che si sono rivelati reali, visto che volevano pagare cibo e bevande con un assegno rubato.

Nella tarda mattinata del 2 aprile i carabinieri della stazione di Stagno hanno arrestato in flagranza di reato due giovani campani di 28 e 31 anni per i reati di truffa e ricettazione. I due si erano presentati da "Zona Cash & Carry", il supermercato di Porta a Terra, con un assegno postale risultato essere smarrito e quindi già denunciato. Il loro obiettivo? Un acquisto da circa 1.400 euro.

E il titolare - il direttore Antonio Ania - ha subito chiamato il 112. Con i militari che li hanno fermati. L'arresto è poi stato convalidato dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Livorno, con i due che ora hanno l'obbligo di dimora a Empoli, città nella quale entrambi sono residenti. Ania ringrazia "i carabinieri della caserma di Stagno per il pronto intervento".