Case a Livorno, prezzi un po’ più giù ma l’emergenza Covid non ha travolto il mercato

l cartello” vendesi” all’esterno di un palazzo a Livorno nel corso del 2020 sono stati più di 1.800 gli atti di compravendita a Livorfno città, 620 dei quali nell’ultimo trimestre (più 52% rispetto allo stesso periodo del 2019)

I dati dell’Omi sulla base degli atti di compravendita effettivamente registrati le quotazioni erano scese in modo ben più netto alla metà del decennio scorso

LIVORNO. Con un salto all’indietro di 10-12 anni non è così facile trovare una casa da giovane coppia – camera e salotto più bagno e cucina in un pugno di metri quadri – che stia al di sotto dei 100mila euro. Adesso ne bastiano anche 20-30mila meno, è sufficiente che l’alloggio sia un po’ così e in zona un po’ così: lo raccontano gli annunci delle agenzie immobiliari. Ma, a dar retta alle ultime quotazione sfornate dall’Osservatorio mercato immobiliare (Omi) dell’Agenzia delle Entrate sulla base degli atti notarili, sembra che l’emergenza coronavirus non abbia causato un effetto tracollo sul livello dei prezzi.

È da aggiungere che stavolta mettiamo in vetrina anche le quotazioni relative al territorio di Collesalvetti, incluse ovviamente le frazioni. Sono cifre indicate nei contratti ufficiali di compravendita, dunque risentono delle distorsioni che presenta ogni dichiarazione agli occhi del fisco: e tuttavia si basa su dati reali presi zona per zona. Forse con il rischio che in un certo momento pesino il basso numero di compravendite in quella tal zona o la tipologia modesta di un gruppo di appartamenti acquistati in blocco. Sta di fatto che non esiste un “termometro” più efficace di questo per “misurare” l’effettivo valore di mercato.


C’era da immaginare che la pandemia avrebbe portato a un drastico abbassamento dei prezzi? Le quotazioni hanno scivolato ancora verso il basso, ma forse non quanto si sarebbe ipotizzato: sempre prendendo come riferimento l’analogo “borsino” dell’Omi, rispetto a dodici mesi prima il calo non è poi così marcato. Stiamo parlando di una flessione attorno ai due punti percentuali: qualcosina di più (2,3%) in zone come il lungomare dalla Terrazza Mascagni fino a Quercianella passando per la Rotonda, qualcosina in meno (1,6%) in periferie come Sorgenti, Corea, Shangai, Fiorentina o anche Porta a Terra e Limoncino.

Non facciamoci prendere la mano dalle generalizzazioni: da un lato, soffrono le quotazioni della passeggiata a mare dei quartieri-bene e, dall’altro, il morso della flessione è un po’ meno duro nelle periferie. Anche perché perde il 2,4% la quotazione media delle abitazioni in una zona che va da via Galilei al Cisternone includendo poi la stazione e Coteto. Tuttavia, è pur vero che è in un’altra fascia di abitazioni residenziali di buon livello che si registra il calo più sensibile (meno 3,6%): il riferimento è alla striscia di territorio a cavallo fra corso Mazzini, piazza Roma e Borgo San Jacopo.

Rispetto a quattro anni fa le variazioni di prezzo restano complessivamente nell’ordine dei due punti percentuali e spiccioli. Ma con una differenziazione più netta: ad esempio, la quotazione media in zona Picchianti è scesa del 7,3%, quella della periferia nord sfiora i quattro punti in meno, invece la Venezia è in controtendenza (più 0,6 per cento).

Ma non è adesso che si vedono le oscillazioni maggiori: è come se l’emergenza coronavirus avesse inciso sì ma neanche poi troppo. Lo dicono ancora una volta i dati dell’Osservatorio mercato immobiliare: sempre in riferimento a dodici mesi prima, emerge in tutta evidenza che alla metà dello scorso decennio la diminuzione dei prezzi era risultata ben più sensibile. Un esempio? In appena un anno il “borsino” del prezzo medio al metro quadro in zona Sorgenti Corea Shangai Fiorentina lascia per strada il 6,2%, la zona Garibaldi fino a Torretta passando per San Marco raggiunge il 7,5% in meno. Tutti gli altri comunque sempre con un calo al di sopra del cinque per cento, uniche eccezioni la zona Magenta-Fabbricotti passando per via Calzabigi e la fascia collinare, Montenero compreso.–

© RIPRODUZIONE RISERVATA