Contenuto riservato agli abbonati

Coronavirus, in tre ore a Livorno prenotati 500 vaccini 

Già esaurita la prima fornitura Astrazeneca, richieste soprattutto dagli insegnanti

LIVORNO. Martedì pomeriggio il portale di prenotazione dei vaccini è stato preso d’assalto. In meno di tre ore i 500 posti disponibili a Livorno per il personale scolastico, i militari e gli appartenenti alle forze dell’ordine sotto i 55 anni sono andati esauriti.

Ciò significa che il primo atto della vaccinazione di massa, che inizierà questo pomeriggio alle 14 al distretto sanitario di Salviano, si concluderà già domenica.


Come spiega la direttrice dei distretti livornesi e responsabile delle vaccinazioni Cinzia Porrà «faremo 100 somministrazioni al giorno fino a sabato, mentre domenica ne abbiamo previste 200». Totale 500 dosi del siero Astrazeneca seccate in poco più di uno weekend.

La stessa situazione si è registrata nel resto della provincia di Livorno e dell’Asl: 100 dosi a Rosignano (dove la vaccinazione inizierà domenica), 300 a Cecina (dove si partirà domani), 400 a Piombino (il via oggi), 100 a Campiglia (domenica), 100 a Portoferraio (domenica).

È una buona notizia perché conferma la volontà diffusa di vaccinarsi, che già era stata constatata con la vaccinazione del personale sanitario cominciata il 27 dicembre e ormai quasi completata.

ATTESE ALTRE 700 DOSI

Chiaramente sarà fondamentale che le forniture di Astrazeneca crescano: la prossima settimana sono attese altre 5800 dosi del siero inglese, 700 delle quali saranno destinate all’area Livorno Collesalvetti Capraia.

Il lungo lasso di tempo tra la prima e la seconda dose (10 settimane, rispetto alle 3 di Pfizer e le 4 di Moderna) permetterà di “sparare” tutte le dosi senza necessità di fare particolari scorte per il richiamo, come invece finora è stato fatto con i vaccini americani.

boom di INSEGNANTI

Finora, secondo quanto fa sapere l’Asl, la maggior parte di coloro che hanno prenotato la vaccinazione proviene dal mondo della scuola, dunque insegnanti e personale non docente.

Oggi i primi cento di loro varcheranno la soglia del distretto di Salviano. Sono previsti 6 minuti per ogni somministrazione, dal momento in cui il vaccinando entra nell’ambulatorio del medico per fare l’anamnesi a quando l’infermiere effettua l’inoculazione. Dopo di che si dovranno attendere 15 minuti in una sala d’aspetto per le eventuali reazioni. In questo tempo sarà data la possibilità di effettuare il tampone rapido.

Chi si è vaccinato riceverà già l’appuntamento per la seconda dose 70 giorni dopo.

L’organizzazione

L’Asl ha dedicato il pian terreno del distretto sanitario di via Peppino Impastato alle vaccinazioni. Sono previsti cinque ambulatori (quattro per le somministrazioni, uno per i tamponi). L’attività si svolgerà dalle 14 alle 19 fino a sabato e domenica dalle 8 alle 13. Con l’aumentare delle forniture il sabato e la domenica l’orario potrà essere raddoppiato. Poi a metà marzo ci sarà il trasferimento al Modigliani Forum.

© RIPRODUZIONE RISERVATA