Coronavirus, quasi 900 contagi dall’inizio dell’anno: Livorno è la città con più casi in Toscana

Dall’inizio della seconda ondata si è contagiato un livornese su 25. Ma i ricoveri in ospedale per adesso sono sotto controllo

LIVORNO. I contagi non calano. Livorno resta in testa alla classifica toscana per i nuovi casi di positività. Ieri sono stati 37. Più di noi ha fatto soltanto Firenze, che ha contato 41 nuovi positivi, ma con 200mila abitanti in più. Dall’inizio dell’anno siamo arrivati a quota 897, quasi 36 al giorno. Abbiamo superato abbondantemente il totale di dicembre, quando furono 784. Il dato è decisamente preoccupante. Dall’inizio della seconda ondata si è contagiato un livornese su 25. Per fortuna resta sotto controllo il numero dei ricoveri: dopo essere schizzato a 66 a metà gennaio, c’è stata una discesa importante. Ieri erano 56 i pazienti nelle corsie Covid dell’ospedale. Cinque di questi in Terapia Intensiva.

Considerato l’alto numero di contagiati che stiamo registrando giorno dopo giorno, la tenuta dei ricoveri è un aspetto positivo e in parte sorprendente. Ma guai ad illudersi: il primario Spartaco Sani in questo senso è sempre stato molto chiaro nell’affermazione che contagi e ricoveri sono proporzionali e strettamente legati, dunque più contagi ci sono più saranno i ricoveri, più saranno quelli in Rianimazione e di conseguenza anche i decessi. È una questione matematica. Dunque prudenza. In città è morta un’altra anziana: Teresina Ferri, aveva 87 anni. È la 23esima vittima dall’inizio dell’anno.


In totale i morti dall’inizio della pandemia sono stati 296 in tutta la provincia. Di questi 230 hanno riguardato cittadini residenti a Livorno città. In numeri assoluti siamo la terza città con più decessi dopo Firenze (568) e Prato (232). In rapporto alla popolazione siamo invece al secondo posto dopo Firenze, con un morto di Covid ogni 678 abitanti.

Va avanti intanto, seppur a rilento, la vaccinazione. Le dosi somministrate in città sono arrivate a 3753. Coloro cioè che hanno ricevuto sia la prima che la seconda dose, e dunque possono ritenersi immunizzati, sono 383.

Dopo l’annuncio di Pfizer della ripartenza della fornitura dei vaccini, la macchina delle somministrazioni dovrebbe accelerare nuovamente. L’obiettivo è superare le cinquemila somministrazioni entro la fine di questo mese.  Nel resto della provincia la situazione sembra più sotto controllo: 4 i contagi registrati ieri a Cecina, 5 a Rosignano, uno a Collesalvetti, 2 a Piombino, 2 all’Elba, uno a Campiglia. All’ospedale di Cecina i ricoverati sono 12, di cui 2 in Terapia Intensiva. Sul fronte vaccinazioni, tra Cecina e Piombino, sono state somministrate 1439 dosi. In 202 hanno ricevuto anche il richiamo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA