Coronavirus, altri 61 nuovi positivi a Livorno: più di noi solo Firenze

Calano i ricoveri nel reparto Covid, ma in intensiva ci sono cinque pazienti

LIVORNO. Tornano a salire i casi di covid-19 in città. Sabato 23 gennaio sono stati 61 mentre venerdì erano stati 38, giovedì 55 e mercoledì 18. Nel fine settimana Livorno si riallinea col dato del 19 gennaio, 62 contagiati. Complessivamente in provincia sono 79 i nuovi positivi. Un numero che colloca Livorno ed il suo territorio tra i peggiori in Toscana. Il bollettino diramato dalla regione è chiaro: solo Firenze registra 137 casi in più di venerdì, poi c’è Livorno con 79, seguono Arezzo 58, Lucca 39 e via via le altre.

Perché questi numeri? L’Asl non comunica il dato scorporato ma se, nei giorni passati, un’impennata anomala era da collegare ad un focolaio scoppiato nella casa di riposo di Villa Serena, ad oggi nelle strutture comunali la situazione si va lentamente stabilizzando e non si ravvisano - come ha spiegato ieri l’assessore comunale al sociale Andrea Raspanti nuovi focolai con gli ultimi tamponi eseguiti già da un po’ di giorni. Va meglio la situazione in provincia: un caso a Collesalvetti, 4 nel comune di Rosignano M., 3 a Piombino, 2 a Cecina, 2 a Castagneto Carducci, 6 i casi all’Elba. Nell’area dell’Asl nord ovest Livorno, da sola, concentra un terzo dei casi totali.

L’azienda ha comunicato anche tre decessi: uno, tuttavia, risale al 12 gennaio, Rinaldo Paoletti, di 85 anni. Poi c’è Luciano Ceccanti , anch’egli di 85 anni, deceduto il 19 gennaio e Anna Barretta di 91 anni che è morta giovedì scorso. Anche in questo caso di tratta pazienti che hanno contratto il covid ma spetterà all’Istituto Superiore di Sanità attribuire in maniera definitiva le morti al coronavirus. Dall’inizio della pandemia in provincia di Livorno sono morte 295 persone. Solo nella seconda ondata sono 237. Il dato positivo che riscontriamo è quello legato al numero dei pazienti in ospedale che rispetto al 16 gennaio scorso è calato decisamente passando da 66 a 55. Purtroppo rimangono ricoverati in terapia intensiva 5 pazienti. Per ciò che concerne le vaccinazioni anti-Covid prosegue il piano attuato dall’Asl Toscana Nord Ovest che prevede in questa prima fase di raggiungere operatori del sistema sanitario e ospiti delle residenze sanitarie assistenziali (Rsa).


Al 22 gennaio le vaccinazioni effettuate erano 16.607 di cui 15.997 per prime dosi tra operatori sanitari (12.600), altro personale (785) e ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (2.412). Sono stati vaccinati 5.413 uomini e 10.384 donne. Per la zona livornese: 3.313 vaccinazioni di cui 108 seconde dosi (235 somministrazioni ad ospiti delle case di riposo). —

© RIPRODUZIONE RISERVATA