Coronavrus, saliscendi di contagi a Livorno e più ricoveri in terapia intensiva

In città 96 positivi, nel resto della provincia altri 49. Alla Rsa Passaponti è deceduto un 64enne. In provincia sono 130 i morti di coronavirus dall’inizio della pandemia

LIVORNO. La terapia intensiva dell’ospedale di Livorno continua a ospitare pazienti affetti da Covid-19. Ieri due nuovi accessi, che portano il numero totale dei ricoverati nel reparto a 14. I dati diffusi dalla Asl mostrano una lieve flessione dei nuovi casi di positività al coronavirus in città, ma confrontando i numeri con quelli dei giorni scorsi è evidente come la curva dei nuovi casi sia un continuo saliscendi. In provincia i nuovi positivi registrati ieri sono 145.

E c’è anche un decesso, a Livorno: si tratta di un 64enne, Abdenbi Arguibi, che era ospite della Rsa Passaponti. Di seguito, la suddivisione dei nuovi positivi nei vari territori del Livornese. Livorno 96, Collesalvetti 9, Cecina 12, Piombino 11, Rosignano Marittimo 10, San Vincenzo 1. A questi dati si aggiungono quelli che arrivano dall’Isola d’Elba: Campo nell’Elba 1, Capoliveri 1, Porto Azzurro 1, Portoferraio 3.


Per quanto riguarda Livorno città, sui 96 casi di positività registrati ieri, 13 riguardano pazienti con meno di 18 anni. C’è addirittura un bambino di un anno. Dal monitoraggio della Regione, che si affida ai dati ricavati dalla Protezione civile nazionale, emerge che l’età media dei 2. 207 casi di ieri è di 49 anni circa (il 10% ha meno di 20 anni, il 22% tra 20 e 39 anni, il 37% tra 40 e 59 anni, il 22% tra 60 e 79 anni, il 9% ha 80 anni o più).

Sono 986 quindi i casi riscontrati ieri nell’Asl centro (somma delle province di Firenze, Prato, Pistoia), 859 nella nord-ovest (Massa-Carrara, Lucca, Pisa, Livorno), 362 nella sud-est (Arezzo, Siena, Grosseto). La Toscana si trova al settimo posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 2. 437 casi per 100mila abitanti (media italiana circa 2.168 x100mila, dato di ieri).



Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 3. 088 casi ogni 100mila abitanti, Pisa con 2. 983, Massa-Carrara con 2. 939, la più bassa Grosseto con 1. 412. Complessivamente, 51. 782 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (241 in meno rispetto a giovedì, – 0, 5%). Ieri si sono registrati 48 nuovi decessi: 31 uomini e 17 donne, con un’età media di 79, 4 anni.

A Livorno sono 130 i morti di coronavirus dall’inizio della pandemia. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid ieri in Toscana erano complessivamente 2. 087 (14 in meno rispetto a giovedì, – 0, 7%), 295 in terapia intensiva (8 in più rispetto a giovedì, + 2, 8%). La battaglia contro il virus, dunque, non si ferma. I dati dicono che deve ancora essere combattuta e che c’è bisogno della massima attenzione per riuscire a vincerla.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi