Contenuto riservato agli abbonati

Coronavirus, ecco perché all'ospedale di Livorno l’allarme è sul reparto di Terapia Intensiva - Le tabelle

Un solo posto libero, tre in tutta l’Asl. Nell’ultimo mese quasi metà dei morti totali. Ecco cosa c’è dietro al calo dei positivi

LIVORNO. Crescono i morti legati al Covid in provincia di Livorno. La maggiorparte sono del capoluogo. Ieri ce ne sono stati altri due, Cristian Bazialli, 44 anni, livornese e Rosario Tarantola, 77 anni, di Collesalvetti.
Il totale dei decessi dal 20 ottobre è arrivato a 53. Quasi la metà dei 116 morti dall’inizio della pandemia sono avvenuti negli ultimi 25 giorni. È una tragedia quotidiana. Il Covid si sta portando via i nostri nonni.

I letti d’ospedale continuano a riempirsi. Ieri erano 109 quelli occupati nelle corsie Covid di viale Alfieri. Il record in tutta l’Asl Nord Ovest. Restano ancora 22 posti disponibili sui 131 che sono stati destinati ai pazienti contagiati tra 2° padiglione, 9° padiglione e 15° padiglione. Siamo stati salvati (per ora) dall’apertura dei posti Covid all’ospedale di Cecina, che in meno di una settimana si è già quasi riempito, con 21 letti occupati su 24 disponibili.

Adesso l’allarme si sposta sulle Terapie Intensive: a Livorno ci sono 14 letti, di cui uno soltanto libero. In tutta l’Asl i posti disponibili sono solamente tre. Significa che già oggi potremmo ritrovarci in gravissima difficoltà. C’è ancora la possibilità di ampliarsi, spiega l’Asl, ma i numeri parlano chiaro. «Abbiamo 60 ricoverati in più rispetto al picco che abbiamo raggiunto nella prima fase della pandemia», ha detto ieri il direttore generale dell’Asl Maria Letizia Casani. Il confronto con marzo è drammatico e racconta di una situazione peggiore alla prima ondata.

Attenzione a un dato: quello dei contagi giornalieri nella città di Livorno. Negli ultimi giorni sono calati notevolmente. Ieri sono stati 57: non erano così bassi dal 20 ottobre. E anche giovedì e mercoledì siamo rimasti sotto quota 100. Ma non è il caso di cantare vittoria e immaginare una diminuzione legata alle misure di distanziamento sociale: una parte del calo potrebbe essere motivata dal fatto che il laboratorio di analisi di Livorno in questi giorni ha dovuto processare migliaia di tamponi provenienti da Lucca (dove per un guasto e per mancanza di reagenti si erano bloccate le attività). Di conseguenza l’analisi dei tamponi dei livornesi potrebbe essere stata in parte rallentata da questo lavoro aggiuntivo svolto dal laboratorio di viale Alfieri.