Caos Livorno, la lettera di Navarra alla città e la risposta del sindaco

Il presidente scrive la sua lettera al sindaco in cui gli annuncia la resa e di voler affidare al Comune la sua quota e il compito di trovare una via d'uscita

LIVORNO. Si dice "colpito" dall'affetto improvviso ricevuto dai tifosi. Ma soprattutto dice di aver "profuso tante risorse emotive ed economiche" per salvare il Livorno sebbene sia arrivato in città da poco. Ma non sono servite a tirare fuori gli amaranto dal pantano in cui si sono cacciati. Così adesso fa un passo indietro, "non mi resta che arrendermi", cede la sua quota al Comune e affida al sindaco Luca Salvetti il compito di tentare il tutto per tutto. E trovargli un sostituto. E' il succo della lettera inviata da Rosettano Navarra al sindaco e alla città. Poche righe con cui il manager ripercorre la sua breve esperienza a Livorno. E gli dice addio.

LA LETTERA DI NAVARRA

Eccole: "Egregio Sindaco della Città di Livorno, la mia breve ma intensa esperienza di Presidente del Livorno Calcio e l’accoglienza che la città ed i suoi tifosi mi hanno tributato mi ha profondamente colpito e toccato nel cuore. La città mi ha accolto con un trasporto davvero inaspettato ed i suoi tifosi, pur non conoscendomi, mi hanno immediatamente accolto come uno di loro, percependo che abbiamo in comune una grande passione per il calcio".

Poi ricorda di essersi impegnato, anche investendo per salvare la società: "Come Ella ben sa, ho profuso in questa breve, ma intensa avventura grandi risorse emotive ed economiche, senza purtroppo riuscire a creare le condizioni ideali per restituire alla squadra il lustro che è riuscita a conquistare nella sua gloriosa storia. A questo punto non resta che arrendermi e farmi da parte, facendo però un ultimo dono alla città ed ai suoi tifosi.
Ho deciso, quindi, di donare la mia quota del Livorno Calcio srl alla sua città ed ai suoi tifosi e, quindi, a Lei che istituzionalmente li rappresenta. Mentre La invito a individuare tempi e modalità per effettuare il trasferimento formale della partecipazione oggi di titolarità della NH Investimenti Srl, di cui sono il legale rappresentante, consideri immediata la possibilità di disporre a Sua discrezione di tale partecipazione. Anche come Presidente della Livorno Calcio Srl consideri a Sua disposizione il mio mandato, fermo restando che continuerò ad occuparmi della gestione ordinaria nell’interesse della società sino a quando verrò, con il Suo consenso, sostituito. Sono sicuro che Ella saprà trovare una soluzione per la città, la squadra ed i suoi tifosi. Sappia che troverà in me, qualora utile, un convinto sponsor. Rosettano".

LA RISPOSTA DEL SINDACO

Ecco la risposta del sindaco Salvetti. 

"In queste ore ho ricevuto, come rappresentante istituzionale della città, una lettera da parte dell’attuale presidente del Livorno calcio Rosettano Navarra. Nella Lettera si racconta con quale spirito ed entusiasmo l’imprenditore si sia avvicinato al sodalizio amaranto, quanto sia stato difficile per lui gestire il rapporto con gli altri soci, e la volontà di farsi da parte vista l’impossibilità di poter operare sul fronte sportivo e di gestione della squadra.

Nella lettera Navarra annuncia l’intenzione di donare le quote in possesso della Nh Investiment Srl all’amministrazione comunale nella persona del Sindaco, chiede tempi e modalità per un trasferimento formale e mette a disposizione il mandato di presidente.

Non mancando di sottolineare lo spirito e il trasporto con il quale il presidente è arrivato nella compagine societaria del Livorno ma essendo convinto che ognuno deve svolgere solo ed esclusivamente il proprio ruolo, il sottoscritto non può che fare riferimento all’iter normativo che regola le operazioni e gli interventi delle amministrazioni pubbliche in ambito societario. A tal proposito il testo unico in materia limita i possibili interventi diretti del Comune alle sole società dirette al perseguimento delle finalità istituzionali proprie della pubblica amministrazione, e una società sportiva come il Livorno calcio non rientra tra queste.  

Per ciò appare evidente e scontato che questa amministrazione non possa dar seguito all’accoglimento della donazione pensata da Rosettano Navarra. Adesso, come già annunciato nelle scorse ore, chiediamo che gli attuali soci trovino la soluzione migliore per garantire una gestione trasparente e lungimirante all’A.S. Livorno calcio".