Coronavirus, i fiorai portatori d’amore nelle città deserte: «Col nostro lavoro dispensiamo sorrisi»

Dai bouquet di laurea alle piante regalate dai nipoti ai nonni per non farli sentire soli durante la quarantena forzata