«La legalità non è quella del Daspo»