Corsini è già al lavoro per riunire a breve il comitato di gestione

Il presidente dell’Authority ha scritto alle istituzioni Il prossimo passo riguarderà le categorie economiche

LIVORNO. Detto e fatto: le lettere sono già state spedite. Come aveva promesso, la prima cosa che ha fatto Stefano Corsini nel suo primo giorno ufficiale a Palazzo Rosciano da presidente dell'Autorità di Sistema del Tirreno Settentrionale (che raggruppa Livorno, Piombino, Elba e Capraia) è stata quella di scrivere al governatore della Regione Toscana e ai sindaci di Livorno e Piombino, per intraprendere il percorso che entro breve dovrà portare alla nascita del Comitato di Gestione.

Non è infatti un mistero che per entrare nel vivo della gestione del nuovo Ente, che ora comprende i porti di Piombino, Livorno, Capraia e quelli elbani, occorra aspettare che sia pienamente operativo il nuovo board di vertice.

La palla, spiegano da Palazzo Rosciano, passa ora alle Istituzioni. Per Corsini si tratta di un passaggio sostanziale. «Dobbiamo remare tutti assieme per dotarci in tempi ragionevolmente brevi di un sistema portuale realmente integrato - spiega il neopresidente dell’Authority - che sia in grado di valorizzare le competenze territoriali».

L’ulteriore passo di Corsini sarà quello di chiedere alle categorie economiche-sociali, fino ad oggi presenti nei vecchi Comitati Portuali, di designare ciascuna il proprio rappresentante che andrà a sedere nell'organismo di partenariato della Risorsa Mare.

È appunto da ricordare che l'era del commissariamento si è formalmente chiusa lunedì scorso con la firma del decretop da parte del ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio, e si è dunque aperta quella dell'Autorità di sistema portuale, con il nuovo presidente affiancato non più dal Comitato portuale ma dal Comitato di gestione in cui siederanno, oltre al comandante della Capitaneria di Porto, i rappresentanti indicati dal presidente della Regione Toscana, dal sindaco del Comune di Livorno e da quello di Piombino. Ecco spiegati i primi atti da parte del nuovo presidente dell’Autorità Portuale.

Completeranno la governance della nuova Autorità di Sistema del Tirreno Settentrionale, il Collegio dei revisori dei conti e l'Organismo di partenariato della Risorsa Mare, che riunirà i rappresentanti delle associazioni di categoria che sino a poco tempo fa - come detto - sedevano nel Comitato Portuale.

«La prima cosa che farò sarà quella di chiedere alle Istituzioni e alle associazioni nazionali di categoria le designazioni per la costituzione del Comitato di gestione e dell'Organismo di partenariato della Risorsa Mare», aveva dichiarato Stefano Corsini. E così è stato.