Conforti, il livornese dell'Oscar italiano: ho pianto un'ora dalla gioia

L'intervista da Los Angeles a 24 ore dalla consegna del David di Donatello per il montaggio del film Lo chiamavano Jeeg Robot: ringrazio l'Italia e la mia città e vi racconto i miei progetti