Sos Lonzi, duello Bacci-Gordiani

Il sindaco di Colle: stop con i giochini, farò la variante sul Biscottino

COLLESALVETTI. «All'assessore livornese Gordiani, in pieno stile 5 stelle, piace amministrare con dichiarazioni e parole, senza alcun contatto con la realtà: vedi il mito dei pullman gratis per tutti (e in realtà tagliati per molti). A noi, nel nostro piccolo, con i fatti e gli atti». Lorenzo Bacci, sindaco di Collesalvetti (e leader territoriale Pd), affida alla propria pagina Facebook l’ennesimo round del botta e risposta con l’assessore livornese sulla spostamento della Lonzi Metalli nella zona di Ponte Biscottino. Con Bacci che, da un lato, smentisce e Gordiani che, dall’altro, invece conferma.

Siccome Biscottino è nel territorio comunale di Colle, Bacci annuncia che «abbiamo dato mandato agli uffici di predisporre l'atto di indirizzo della variante urbanistica per l'area del Biscottino». E aggiunge: «O vediamo se la fantascienza vince sulla realtà».

Ma è la sottolineatura successiva a rappresentare per gli amministratori di Collesalvetti il cuore del problema: «Vediamo se chi pensa - in piena continuità con il passato - di scaricare su Collesalvetti i problemi livornesi, capisce che la strada è sbarrata».

Lo scontro politico è leggibile in questo caso ovviamente anche in chiave Pd (Colle) contro M5S (Livorno). Ma proprio con l’accenno alla continuità col passato sembra che Bacci voglia indicare che neanche il terremoto politico a Palazzo Civico ha cambiato l’atteggiamento di Livorno nei riguardi di Collesalvetti: il luogo – accusa Bacci – sul quale la classe dirigente della città capoluogo pensa di poter rovesciare guai e contraddizioni. Non erano mancati già negli anni scorsi non pochi motivi di conflitto anche in casa Pd proprio per questo.