Blues, teatro-canzone, lirica e metal

I Loungerie

La chitarra di Luti e la voce di Maulo al NTC e poi Loungerie. Mozart al Goldoni, Eyehategod al The Cage

LIVORNO. Tra blues, teatro-canzone, lirica e meta si apre un altro weekend musicale interessante in città. Da venerdì a domenica, ecco il piano dei concerti da seguire.

Venerdì 17. I Betta Blues Society incontrano Bob Luti. Ovvero: un gruppo in parte pisano incontra l’incarnazione vivente del blues in città. L’appuntamento, ore 22.30 al Nuovo Teatro delle Commedie, si presenta pertanto curioso per l’intreccio tra la chitarra di Luti e la voce di Elisabetta Maulo. I due proporranno al pubblico un repertorio blues che va dalla prima metà del '900, passando attraverso le melodie e i brani di Memphis Minnie, Mississippi John Hurt, Charlie Patton, Fred McDowell e Bessie Smith. Inconsapevole Records e Surfer Joe presentano "Stereo Age" in concerto, al Surfer Joe Tiki Room (ingresso gratuito). Opening act affidato ai Traveller's Tales, mentre a seguire ci sarà il djset rock "Karda Bros Rock Selection!". C’è musica anche in Venezia, dove la Bodeguita (ore 22.30, p.zza dei Domenicani) si apre al set di un gruppo pisano che si chiama Cabin Fever e fa rock blues.

Sabato 18. Cena a buffet più lo spettacolo dei Loungerie, irriverente quintetto livornese votato alla forma teatro-canzone. Questa volta portano, ore 22.30 al Nuovo Teatro delle Commedie, lo spettacolo “¡Que Suerte!” - [Un concerto al cubo]. Come definire quello che fanno? LoungeCabaret retro-futurista? Oppure sketches musicali da salotto? Questi cinque personaggi abbigliati in coloratissimi vestiti vintage e con improbabili nomi esotici non sono una band nel senso tradizionale del termine e nemmeno una compagnia teatrale. Mescolano con impeccabile savoir faire presente e passato, musica e teatro in uno spettacolo unico, i cui antenati sono da ricercare nella tradizione del varietà italiano, nell’avanspettacolo televisivo anni ‘70 e nelle reclames americane degli anni 50 e 60. Ingresso cena + spettacolo 22 euro; solo spettacolo 10 euro. Al The Cage Theatre (Villa Corridi) è un sabato sera rivolto al metal, poiché da New Orleans arrivano gli Eyehategod, gruppo che fa sludge metal ed è attivo dal 1988. In apertura, la band Macerie da Firenze. All’Ex Cinema Aurora c’è un altro progetto livornese interessante che sale sul palco: alle 22 (ingresso gratuito per i soci), live dei Piccoli Animali Senza Espressione, quartetto pop che incrocia il cantautorato con arrangiamenti elettronici e progressive. Nel quartiere Venezia, la Bodeguita Livornese propone il set dell’ABC Trio, che esplora il mondo dello swing italiano in chiave retrò. Il surf strumentale va invece in scena al Surfer Joe, con il concerto dei Los Venturas. Chi ama la lirica si diriga al Teatro Goldoni, dove è in programma il   (ore 21), Overture da “Don Giovanni”, concerto per soli coro e orchestra eseguito da Anna D’Acunto (soprano), Patrizia Amoretti (contralto), Carlo Messeri (tenore), Antonio Menicucci (basso), accompagnati dall’Orchestra I Filarmonici di Trento, con il coro Accademia Vocale Città di Livorno, tutto diretto da Daniela Contessi.

Domenica 19. Aurora Live, rassegna musicale in corso all’Ex Cinema Aurora (sul viale Ippolito Nievo), presenta il terzo concerto in settimana: dalla Germania arriva il duo folk Max & Laura Braun, il cui ultimo album si chiama “Highwire Haywire” ed è uscito a marzo 2015. Max e Laura sono fratello e sorella e dal 2008 suonano insieme. Lei è anche fotografa ed editrice, Max invece ha lavorato per il teatro e come produttore. Appuntamento alle 22, ingresso gratuito riservato ai soci.