Rogo in Venezia, una raccolta fondi per aiutare la proprietaria della casa bruciata

La casa distrutta nel rogo in Venezia

Livorno. L'appartamento della guardia giurata è inagibile e ridotto a un cumulo di macerie

LIVORNO. «Il 9 marzo un incendio ha distrutto la nostra casa. Per questo abbiamo attivato una raccolta fondi. Aiutateci a ricominciare: i sacrifici di decenni sono andati in macerie».


È l’annuncio di Grazia Galgano e di sua figlia Alessia, protagoniste del terribile incendio in via del Forte San Pietro in Venezia, che ha mandato in fumo completamente il loro appartamento, causando anche il crollo del tetto, nella parte che sovrasta la casa. «Mia nipote ci sta aiutando in questa impresa: voglio ringraziare lei, che è una ragazza favolosa, prossima alla laurea, e mio figlio Matteo - dice Grazia Galgano, guardia giurata Fedelpol - Grazie anche a tutti coloro che mi stanno dando una mano, in primis a Bettarini, che ha già fatto una donazione».


Le due donne lanciano un appello alla città: «Se vi va, potete contribuire con una piccola donazione paypal, dove sono riportate anche le foto e gli articoli dei quotidiani che hanno raccontato il triste evento. Il vostro contributo, anche minimo, ci aiuterà a ricominciare. I soldi verranno raccolti sul conto di Silvia Tulli, la nipote. Un grazie sentito per il vostro sostegno». L’annuncio è pubblicato su facebook, da cui si può accedere al link (http://aiutazia.tumblr.com/) dove fare la donazione on line. Per fare invece il versamento tramite Iban direttamente sul conto di Grazia Galgano e per ulteriori informazioni scrivere all’indirizzo e-mail: silvia.tulli.92@gmail.com oppure telefonare al cellulare: 3204662232.