Otto giorni al voto, carrellata di big

Oggi in città il ministro Orlando, Gelmini e Quagliariello. Il 23 c’è Renzi. E Grillo potrebbe fare la sorpresa

LIVORNO. A poco più di una settimana dalle elezioni – e a poche ore dalla battaglia in Parlamento per il caso Genovese – arriva a Livorno il ministro della Giustizia Andrea Orlando. Il ministro, va detto, non parteciperà a un’iniziativa di partito, ma chiuderà la mattinata di lavori in programma in Camera di commercio per il convegno internazionale sui “250 anni Dei delitti e delle pene”. L’intervento del ministro è previsto per le 13.

Poco dopo, intorno alle 16, raggiungerà invece Livorno la deputata ed ex ministro dell'Università, Maristella Gelmini. Raggiungerà il comitato elettorale di Forza Italia (via Marradi 56) per sostenere la candidatura a sindaco di Elisa Amato. Quasi in contemporanea il coordinatore nazionale del Nuovo Centrodestra, Gaetano Quagliariello, arriverà a sostenere Costanza Vaccaro, candidata sindaco per Ncd. Quagliariello visiterà l'area del bacino di carenaggio e alle 16.30 raggiungerà l'Hotel Palazzo per un incontro pubblico.

Ma i riflettori di maggioranza di governo e opposizioni sono tutti puntati sul 23 maggio quando, a due giorni dalle elezioni che decideranno il nuovo sindaco, arriverà in città il premier Matteo Renzi.

Orario e luogo dell’incontro pubblico col presidente del consiglio, che di fatto chiuderà la campagna elettorale del Pd, non sono ancora stati comunicati. Mentre dal mondo dell’emergenza casa sono arrivate avvisaglie di protesta contro il recente decreto del governo sulla casa.

Ma a tenere banco è anche un altro possibile arrivo. Nei giorni scorsi tra gli attivisti del Movimento 5 Stelle si è sparsa la voce che a Livorno potrebbe arrivare Beppe Grillo, forse già il 22 maggio, il giorno prima di Renzi. L’ipotesi, però, non è stata confermata, ma tra i 5 Stelle si dà ormai quasi per scontata la possibilità di vedere il leader genovese in città in caso di ballottaggio, che lo ricordiamo, si accenderebbe l’8 giugno.