Quei binari senza pace

Tutto iniziò nel 1863 con “La Maremmana”