«Mi sento molto meglio ma fatemi mangiare» Il buonumore di Agroppi