Non è la razza, ma la mole che determina la pericolosità dell'animale

Francesco Fabbri, istruttore cinofilo