Covid, Pfizer e Moderna aumentano i prezzi dei vaccini per l'Ue

Lo riporta il Financial Times. Florida, record di contagi. Contagi in calo in Brasile dopo sei mesi

Aumentano i prezzi dei vaccini anti-Covid di Pfizer e Moderna negli ultimi contratti di fornitura con l'Unione Europea. Lo riporta il Financial Times citando stralci dei contratti presi in visione: il nuovo prezzo per i vaccini Pfzier è di 19,50 euro contro i 15,50 delle precedente fornitura mentre quello di Moderna sale invece a 25,50 dollari a dose, sopra i 22,60 dollari del precedente accordo ma meno dei 28,50 dollari inizialmente previsti dopo che l'ordine è stato ampliato. Gli accordi, siglati quest'anno per un totale fino a 2,1 miliardi di dosi entro il 2023, sono stati rinegoziati - scrive l'Ft - dopo i test di fase 3. 

Ciclo vaccinale completato da 32,4 milioni di italiani
Gli italiani che hanno chiuso il ciclo vaccinale hanno superato quota 32,4 milioni, il 60% della platea da vaccinare costituita da chi ha più di 12 anni, fa sapere la struttura del commissario Figliuolo. «Un primo importante risultato che ci consente di guardare con maggiore fiducia al futuro», commenta il ministro della Salute Speranza. Locatelli (Cts): «decisivo immunizzare adolescenti». La media è 500mila somministrazioni al giorno, ulteriori dosi di vaccino Pfizer dalla terza settimana di agosto. Si punta all' immunità di comunità entro fine settembre, con il ciclo vaccinale completo per l'80%. 

Florida, record di contagi
La Florida ha registrato 21.638 nuovi casi di Covid-19 nella giornata di ieri, sabato, il numero più alto dall'inizio della pandemia nel marzo 2020, come riportato dal Dipartimento statale della Salute ai Centri di controllo e prevenzione delle malattie (CDC) degli Stati Uniti. Il precedente record giornaliero era di 19.334 casi annunciati il 7 gennaio 2021. Il numero medio di nuovi casi confermati giornalieri in Florida negli ultimi 7 giorni è di 15.818. Gli ospedali statali iniziano a essere sovraffollati di pazienti Covid-19, la stragrande maggioranza (oltre il 90%) non è vaccinata e molti dei grandi centri medici hanno iniziato a vietare le visite e a rinviare le operazioni non urgenti. 

Il Messico è il quarto Paese al mondo con il maggior numero di morti 
Il Ministero della Salute del Messico ha registrato ieri 18.809 nuove infezioni confermate di Covid-19, per un totale di 2.848.252 casi, oltre a 447 nuovi decessi, raggiungendo 240.906, in piena terza ondata di l'epidemia. Con questi record, il Messico è il quarto Paese al mondo con il maggior numero di morti per Covid-19, dietro a Stati Uniti, Brasile e India, ed è il sedicesimo per numero di contagi confermati, secondo il conteggio della Johns Hopkins University. Il Messico subisce una terza ondata di infezioni che accumula due settimane registrando piu' di 15.000 nuovi casi, qualcosa che non si vedeva dal picco della seconda ondata lo scorso gennaio. 

Contagi in calo in Brasile dopo sei mesi
Il Brasile ha registrato 37.582 nuovi casi e 910 decessi associati al coronavirus l'ultimo giorno di luglio, con la media settimanale giornaliera più bassa di infezioni dell'anno e decessi inferiori a 1.000 decessi, secondo i dati ufficiali diffusi dal governo. Dal primo contagio, il 26 febbraio 2020, e dal primo decesso, il 12 marzo dello stesso anno, entrambi a San Paolo, il Paese ora aggiunge 19.917.855 casi confermati di covid e totalizza 556.370  decessi. Il Ministero della Salute, nel suo ultimo bollettino epidemiologico, ha indicato che tra venerdì e sabato si è registrata una diminuzione del numero dei contagiati (-8,12%) e una riduzione del numero dei decessi giornalieri (-5,50%) rispetto al precedente 24 ore.

(fonte: La Stampa)